Pikaia: il portale dell’epurazione – 2

9

Appare ormai chiaro il perché su Pikaia (il portale dell’evoluzione) sia stato epurato l’articolo che parlava del libro di Antonio De Lauri,  La «patria» e la «scimmia» Il dibattito sul darwinismo in Italia dopo l’Unità.

Credevano che si trattasse di un libro di parte (la loro) invece raccontava solo come sono andate le cose.

 

Come prima cosa devo scusarmi con Antonio De Lauri, l’autore del libro La «patria» e la «scimmia» Il dibattito sul darwinismo in Italia dopo l’Unità, per averlo identificato erroneamente con l’omonimo professore di antropologia della Bicocca.

L’equivoco mi è stato gentilmente segnalato dallo stesso Antonio De Lauri di cui ci siamo occupati in qualità di autore del libro e relatore della conferenza nel filmato riportato nell’articolo Pikaia: il portale dell’epurazione del 5 novembre. Egli in realtà non si occupa di antropologia ed è dottore di ricerca in Storia presso l’Università degli Studi di Milano.

Fatta questa dovuta rettifica, non può che uscire rafforzata l’idea che una confusione analoga debbano averla fatta anche quelli di Pikaia, i quali si devono essere accorti solo in un secondo momento del fatto che il libro da loro pubblicizzato non era proprio in linea con le idee del sito. Ma dire che il libro di De Lauri “non è in linea” con le idee di Pikaia, potrebbe risultare piuttosto riduttivo.

Non ho ancora letto il libro (cosa che mi prefiggo di farlo quanto prima e di tornare a commentarlo su questo sito) ma nel frattempo lo stesso Antonio De Lauri mi ha indicato un suo articolo pubblicato il 4 ottobre su l’Occidentale dal titolo Affinità (poche) e divergenze (tante) tra la scimmia e noi, e dal quale si può comprendere molto del suo pensiero.

Ne consiglio la lettura intera sul sito de l’Occidentale, ma mi sembrano particolarmente significativi alcuni passaggi che vorrei riportare:

Benché bistrattate per la loro scarsa critica scientifica dagli scienziati evoluzionisti di ieri e di oggi è tuttavia in alcune di queste pagine degli antidarwinisti cattolici ottocenteschi che si trovano alcune lucide riflessioni  capaci di portare nuovi lumi e rischiarare il problema sempre aperto delle origini dell’uomo…

E poi:

Per Croce la natura è il mondo della necessità, della causalità, delle inflessibili leggi della fisica e della chimica, dell’evoluzione se si vuole. La storia è il mondo degli uomini, della volontà e della libertà, del dispiegarsi dell’ideale, del pensiero, del progresso, che non è l’evoluzione. Le leggi che muovono la natura non sono le stesse che governano le società, la civiltà dell’uomo, le manifestazioni dell’intelligenza umana, i costumi, la cultura.

E non solamente questo spunto crociano sembrerà essere prezioso ancora oggi, allorché si pensi alla fortuna che hanno avuto anche nel Novecento il  riduzionismo biologico, il fondamentalismo sociobiologico, le pseudo-teorie razzistiche, ed in generale l’uso improprio delle teorie della natura, ed in particolare del darwinismo, per giustificare ora il capitalismo liberistico, ora il socialismo egualitario.

Ed è del tutto condivisibile la considerazione con la quale l’articolo si avvia alla conclusione:

La scienza indaga la natura o la materia, le leggi che essa inferisce non sono applicabili a tutto l’uomo, alla storia, alla cultura, alla società, e non per forza esse confliggono con le religioni, la metafisica, l’apertura alla trascendenza, riguardando queste altri lati dell’uomo e della sua libertà.

 

E adesso voglio fare ai responsabili di Pikaia una domanda anche se sappiamo già che resterà senza risposta (perché è proprio un’azione come la rimozione dell’intervento di De Lauri ci lascia poche speranze): c’è qualcosa in questo periodo conclusivo dell’articolo che non trovate condivisibile?

 

 

 

Share.

About Author

Laureato in Biologia e in Farmacia, docente di scienze naturali Nel 2011 ha pubblicato "Inchiesta sul darwinismo", nel 2016 "L'ultimo uomo" e nel 2020 "Il Quarto Dominio".

9 commenti

  1. Ottimo articolo professor Pennetta!
    Le vorrei chiedere una cosa: mi saprebbe indicare dei testi di biologia per l’università che parlano di queste cose?

    • Grazie, effettivamente per una specie di “eterogenesi dei fini” il sito Pikaia mi ha fatto involontariamente conoscere questo interessante autore.

      Purtroppo non saprei indicarle dei testi universitari sull’argomento, anzi se qualcuno ne conoscesse qualcuno sarei grato che ci desse dei riferimenti.

      Intanto, come anticipato nell’articolo, sto aspettando di poter leggere proprio il libro di A. De Lauri.

  2. Spesso gli ultradarwinisti citano l’Epigenesi embrionale per corroborare la loro tesi: tutti gli embrioni dei vertebrati (uomo compreso) sostengono costoro, durante le varie fasi dello sviluppo embrionale e fetale assomigliano dapprima a pesci (abbiamo avuto anche noi le branchie e le pinne per un po’), poi a rettili, e così via!
    Cosa mi sa dire di questa teoria?

    • Gentile Riccardo,
      che lei fosse una persona preparata lo sapevo… ma adesso comincia addirittura a prevedere il futuro!

      Proprio per domani infatti ho programmato un articolo sull’argomento da lei indicato, cioè sulla teoria della ricapitolazione di Haeckel!

      Spero che leggendolo trovi qualcosa di utile.
      Magari poi mi faccia sapere le sue considerazioni.

  3. Effettivamente per una specie di “eterogenesi dei fini” il sito Pikaia mi ha fatto involontariamente conoscere questo interessante autore.

    Purtroppo non saprei indicarle dei testi universitari sull’argomento, anzi se qualcuno ne conoscesse qualcuno sarei grato che ci desse dei riferimenti.

    Intanto, come anticipato nell’articolo, sto aspettando di poter leggere proprio il libro di A. De Lauri.

  4. Esagerato Prof, io sono solo un ragazzo con diverse passioni: Letteratura, Storia,Politica, Arte, Filosofia, Teologia, Biologia, Matematica, Fisica etc.

  5. Pingback: Il neodarwinista Telmo Pievani censura verità scomode su Charles Darwin | UCCR

  6. Gentile Emanuele,

    mi fa piacere che su Pikaia il video sia stato ripristinato, sì perché il termine giusto è proprio questo.

    Vede Emanuele, il browser non c’entra proprio nulla in questa vicenda, il link in questione era proprio stato rimosso e adesso è stato nuovamente inserito. Tutto qui.

    Che le cose stiano in questo modo è documentato nel primo articolo che ho dedicato alla vicenda, controlli pure:
    http://www.enzopennetta.it/wordpress/2011/11/pikaia-il-portale-dellepurazione/

    E’comunque con piacere che prendo atto della rinnovata presenza del video sul libro di A. De Lauri su Pikaia.