Economia: il programma è “distruggere la domanda interna”.

4

 

Mario Monti dichiara che il programma è la distruzione della nostra economia.

 

Un video che dovrebbe stare in apertura dei telegiornali.

 

 

Questa rassegna stampa è un po’ impropria, non è infatti sulla stampa che si trova questa gravissima dichiarazione dell’ex Premier Mario Monti, se oggi infatti è disponibile per la visione di tutti lo dobbiamo ad uno dei blog più seguiti, Byoblu di Carlo Messora che l’ha recuperata  e messa a disposizione.

Non è la prima volta che Mario Monti mostra un’ingenuità sconcertante nel rivelare fini antidemocratici e contro l’interesse pubblico, un precedente è infatti costituito dalla dichiarazione che le crisi sono necessarie ad imporre certe decisioni:

 

 L’interessante articolo che tratta delle dichiarazioni di Monti è disponibile su Byoblu “Monti confessa: “Stiamo distruggendo la domanda interna”, un articolo che inizia con le seguenti parole:

Alla fine l’ha detto. Intervistato dalla CNN, così Mario Monti: “Stiamo effettivamente distruggendo la domanda interna attraverso il consolidamento fiscale.  Quindi, ci deve essere una operazione di domanda attraverso l’Europa, un’espansione della domanda“. Cosa era venuto a fare l’abbiamo sempre saputo, ma forse lui non l’aveva mai detto così chiaramente.

 

 Il resto si trova sul sito Byoblu e se ne raccomanda la lettura.

 

.

.

.

.

.

.

.

Share.

About Author

Laureato in Biologia e in Farmacia, docente di scienze naturali Nel 2011 ha pubblicato "Inchiesta sul darwinismo", nel 2016 "L'ultimo uomo" e nel 2020 "Il Quarto Dominio".

4 commenti

  1. E’ plausibile che quell’intervista fosse sfuggita agli inviati dei nostri media che lo seguivano in giro per il mondo, raccontandone le mirabolanti gesta? Tipo: la riconquistata credibilità dell’Italia, il consolidamento delle sue amicizie internazionali, frotte d’investitori esteri, rassicurati dalla sua sobria immagine, pronti a sbarcare da noi. Eppure nei resoconti dei suoi viaggi che si leggevano sui nostri “giornaloni” venivano sempre citati spezzoni di sue interviste ai media esteri, come se fossero versetti evangelici. Questa, guarda caso, è sfuggita? Non siamo così ingenui,si tratta di autocensura! Un motivo in più per non buttare soldi nell’acquisto di quotidiani che tutto fanno, meno che informare.
    Ma la magistratura perché non interviene? C’è anche il recente libro di Zapatero che aggiunge luce inquietante su questa persona. Non ha nulla da chiedere al nostro ex Premier? Comunque, ora, gli imprenditori costretti a chiudere, i 60.000 negozianti che hanno dovuto abbassare per sempre la serranda, i loro ex dipendenti, ora disoccupati, e gli esodati sanno bene chi ringraziare.

    • Gabbiano,
      anche se a qualcuno sembra eccessivo ho l’impressione di vivere nella Repubblica di Vichy, un governo di comodo che flirta con il nemico.

      PS: riguardo ai giornali, poiché non mi servono per incartare le uova o accendere il caminetto non ne compro.