Attacco alla Terra 1- Scienziati USA: gli alieni pronti ad una “guerra umanitaria” contro le emissioni di CO2

0

 

 

Se la notizia non provenisse dall’ANSA, sotto il titolo: “Stop ai gas serra, o gli alieni ci sterminano“, si potrebbe pensare ad uno scherzo di carnevale fuori stagione, ma purtroppo sembra proprio che qualche “scienziato”,per di più affiliato alla prestigiosa NASA,  abbia realmente ipotizzato una possibile “Guerra dei mondi”:

E quale sarebbe il motivo dell’attacco?

«Ridurre le emissioni di gas serra potrebbe contribuire a salvare l’umanità da un attacco alieno: questa possibilità, è sostenuta da uno scienziato affiliato alla Nasa e i suoi colleghi della Pennsylvania State University.»

 

Forse, visto che le previsioni dell’IPPCI sull’incremento delle temperature non vengono rispettate dall’ambiente che, in modo abbastanza irrispettoso, continua a non riscaldarsi secondo le loro previsioni, (vedi Climate Monitor), il fatto che gli alieni possano attaccarci per via della CO2 sembra essere molto più preoccupante dell’Antropic  Global Warming.

Certamente dopo le recenti vicende libiche siamo tutti un po’ preoccupati per le iniziative NATO/ONU, quindi la prima cosa che speriamo è che gli alieni non facciano parte né dell’una né dell’altra organizzazione, di sicuro però, stando alle affermazioni degli scienziati in questione, anche gli omini verdi sembrano seguire la stessa politica degli “interventi umanitari”.

Questa notizia che compare nella sezione “Falsa/cattiva scienza”, meriterebbe una sezione nuova di zecca che dovrebbe intitolarsi “Cialtro-scienza”, per motivi autoevidenti. Viene da domandarsi se chi esterna in questo modo abbia ancora diritto di essere definito scienziato, ma del resto non esiste un albo professionale dal quale essere radiati per affermazioni, non solo non dimostrabili secondo il metodo scientifico, ma palesemente fantasiose e deliranti.

Però qualcosa di serio forse si potrebbe desumere dalla vicenda.

Il gruppo di scienziati USA autore della dichiarazione in oggetto, trasferendo su presunti alieni lo stesso modo di agire che gli Stati Uniti d’America hanno verso stati militarmente molto inferiori, dimostra, in modo addirittura clamoroso, che gli “scienziati” sono molto plasmabili dalla “cultura” in cui operano e possono proiettare sulla loro visione del mondo, quindi sulle loro teorie, i modelli della società in cui operano.

Del resto, non è stato in questo modo che il malthusianesimo è stato accettato dalla comunità scientifica e diffuso per il mondo?


 

 

 

Share.

About Author

Laureato in Biologia e in Farmacia, docente di scienze naturali Nel 2011 ha pubblicato "Inchiesta sul darwinismo", nel 2016 "L'ultimo uomo" e nel 2020 "Il Quarto Dominio".

Comments are closed.