New York neopagana

54

A New York in 14.000 hanno salutato il solstizio d’estate con lo yoga

Mentre nella vecchia e arretrata Italia il solstizio d’estate è solamente un evento astronomico che viene associato alle vacanze, per i progrediti USA esso è un rito con ben altri significati.

Ma quando ci saremo liberati dalla superstizione cattolica, finalmente anche a Roma si potrà celebrare il dio Sole.

E allora anche noi saremo moderni…

 

Ebbene sì, ci avevamo messo un bel po’ di tempo a liberarci dei vecchi culti dell’antichità che vedevano al centro il Sole, dei vari Horus, Ra, Apollo, Mitra, ecc.. e adesso ce li ritroviamo presentati come un fenomeno moderno che attecchisce nel bel mezzo della cultura anglosassone che ha partorito l’agnosticismo e lo scientismo. Il riferimento è alla grande adunanza di ben 14.000 giovani che si sono dati appuntamento Times Square per una seduta collettiva di yoga, come riportato dall‘Huffington Post in Yoga In Times Square:

In migliaia sono accorsi a Times Square Lunedi per commemorare il primo giorno d’estate. Il loro modo di festeggiare? “Downward dog” (una posizione yoga n.d.r.). “Yoga in Times Square” è stato organizzato la prima volta otto anni fa, con soli due partecipanti. E ‘cresciuto in modo significativo fino alle 5.000 persone pre-iscritte provenienti da 31 Paesi di quest’anno.

Altre foto dell’evento sono disponibili sul sito del Corriere della Sera:

(Afp)

Un fenomeno che in 8 anni passa da due partecipanti a 14.000 provenienti da 31 paesi diversi non può essere liquidato come una semplice “stranezza”. Non sappiamo quale sia il grado di consapevolezza dei partecipanti, ma è lecito supporre che essi non siano del tutto ignari di cosa veramente è lo yoga. Come è possibile leggere anche su Wikipedia lo yoga è una pratica che avvicina ad un contatto con la divinità:

Yoga indica l’insieme delle tecniche che consentono il congiungimento del corpo, della mente e dell’anima con Dio (o Paramatma), l’unione tra Jivatman (energia individuale) e Paramatman (energia universale).

La riunione a Time Square nel giorno del solstizio d’estate è quindi un rito di avvicinamento alla divinità, non un meeting salutistico-sportivo. La pratica dello yoga ha infatti come conseguenza l’ “apertura” dei chackra e la liberazione della kundalini, ma questi sono rispettivamente dei canali di comunicazione con il mondo occulto e una esoterica “energia” cosmica rappresentata da un serpente annidato nell’osso sacro.

Dunque 14.000 giovani cresciuti nella società tecnologica, nella cultura scientista, approdano ad una pratica dell’India più arcaica che appare essere l’esatto contrario di un pensiero moderno. Qualcuno potrebbe pensare che si tratti di un fallimento della mentalità scientista ottocentesca che portò al materialismo della teoria darwiniana. Ma sorprendentemente le cose non sembrano stare così.

Incredibilmente, sin dalle sue origini, la teoria darwiniana era destinata a favorire il ritorno di antiche religioni pagane a scapito del cristianesimo, questa affermazione è supportata da un documento ottocentesco che fu esposto al Palazzo delle esposizioni di Roma nel 2009, anno darwiniano:

 

Sull’attestato leggiamo: «La Scuola Italica, Reale edImperiale Società, instituita nelle primarie città Ausoniche nel mandatodi restaurare la mentalità primitiva patria, nomina Voi Illustre Carlo Darwin Presidente onorario degli Anziani Pitagorici destinati aconservarla patrocinarla e propagarla… 1 novembre 1880».

Cosa c’entra la “mentalità primitiva patria” con una teoria scientifica? Ovviamente nulla, si tratta infatti di una prova della immediata strumentalizzazione della stessa teoria per altri scopi.

Ed è proprio ad una mentalità primitiva patria, seguita da Madame Blavatsky, la fondatrice della Società Teosofica che si ispira il movimento New Age, infatti sul sito della stessa Società troviamo quanto segue:

Il 7 settembre 1875, insieme con alcune altre eminenti figure, fondò una società che essi scelsero di chiamare “La Società Teosofica”, istituita per diffondere gli antichi insegnamenti della Teosofia, ovvero la saggezza concernente il Divino, che è stata la base spirituale di altri grandi movimenti del passato quali il Neo-Platonismo, lo Gnosticismo e le scuole Misteriche del mondo classico.

Madame Blavatsky pochi anni dopo partì per un viaggio in India dove divenne buddista. Dal sito della Società Teosofica leggiamo:

Nel 1880 i fondatori (Blavatsky e Olcott n.d.r.) soggiornarono a Ceylon (Sri Lanka) dove il Colonnello Olcott pose le fondamenta del suo successivo compito: stimolare la rinascita del Buddhismo. I due fondatori divennero, nel contempo, ufficialmente buddisti.

Se qualcuno avesse dunque pensato ad una incoerenza tra la tendenza scientista della società americana e certe manifestazioni neopagane adesso potrà vedere questi aspetti come diverse espressioni di un fenomeno unitario che ha le sue origini nell’ottocento e che sta avendo adesso la sua diffusione di massa.

Ma noi in Italia, come si diceva all’inizio, siamo ancora arretrati, ci vorrà un po’ più di pazienza prima di celebrare tutti insieme il solstizio d’estate in comunione col mondo occidentale.

Certo, in piazza S. Pietro sarebbe il massimo… ma finché ci sarà quell’antiquata figura del Papa non sarà possibile.

 

 

Share.

About Author

Laureato in Biologia e in Farmacia, docente di scienze naturali Nel 2011 ha pubblicato "Inchiesta sul darwinismo", nel 2016 "L'ultimo uomo" e nel 2020 "Il Quarto Dominio".

54 commenti

  1. Da non sottovalutare il retaggio celtico dei Paesi Anglosassone.
    Prof se va su Wiki e scriv :paganesimo romano, leggerà che sta ritornando di modo, infatti negli USA sono 15mila!

    • Certamente tutti gli antichi riti sono ben accetti dal New Age, e riguardo ai Celti qualche anno fa c’è stato un vero e proprio revival (vedi anche l’importazione di Halloween), ma il riferimento principale in tutto il mondo rimane una sorta di buddismo rivisitato e occidentalizzato, tanto che per i veri buddisti è considerato una specie di “eresia”.

  2. Secondo me il buddhismo é stato importato da Hollywood e in seguito è stato “occidentalizzato”per le masse, come un bene di consumo.
    Mi spiego, non so se ha visto un film (di cui non ricordo il nome) in cui era protagonista Brad Pitt nella parte di un nazista esploratore della Vetta del Mondo, in Tibet.
    La sua vicenda si intreccia con la storia dell’attuale Dalai Lama, che bambino allora ebbe a che fare con questo nazista.
    Questo nazista diventa suo amico e prova a modernizzare il Tibet, sennonché la Cina invade il territorio tibetano.
    Questo film mi pare sia del 1998.
    Ci sono cmq tutti gli elementi ‘new age’ :occultismo pagano-nazista,buddhismo tibetano e ateismo cinese maoista.
    Questo per dirle quanto sia verosimile la mia ricostruzione, infatti all’epoca del film Brad Pitt dichiarò di seguire i precetti del Buddhismo.
    Lo seguirono a ruota la moglie e la “nuova Hollywood” (Richard Gere in testa).
    Mi chiedo: come mai non seguono “questi personaggi”il Dalai Lama per quanto riguarda omosessualità e aborto??

    • No,beh “l’occidentalizzazione del buddismo” se la si vuol chiamare così è assai più recente,già negli anni ’70 se ne vedono inflenze..
      Ma in verità il buddismo non c’entra direttamente.
      Bisogna parlare di New age e di fatto non è neanche dire tutto che la new age si fonda sul buddismo,che si fonda su una restaurazione fatta da un uomo di filosofie e culti come il brahmanesimo e in particolare il culto di Manu.
      Dentro c’è esoterismo,cabala,culti orientali.
      Il moviemnto new age vero e proprio nasce nn con
      la Blavatsky,ma con la sua “pupilla” Alice Anne Bailey;una ricercatrice occultista (33° grado del rito scozzese della Massoneria), che dopo essersi separata dalla “Società Teosofica” ed aver fondato a sua volta la “Scuola Arcana” dedita all’occultismo e ai poteri parapsichici,aveva provveduto a legare la teosofia alla nuova ideologia, rivolta al futuro.I fondamenti dottrinali del nuovo movimento erano un Dio impersonale, immanente e trascendente;adorazione della creazione; immortalità dell’uomo,soggetto alla legge del karma e della reincarnazione; continuità della rivelazione, attesa messianica.La grande novità introdotta dalla Bailey sta nel fatto che questa “Scuola Arcana” avrebbe dovuto portare all’umanità una “nuova unica religione mondiale”, in preparazione alla venuta sulla terra di un nuovo avatar (che secondo l’Induismo significa”discesa” e indica le varie forme, animali e umane, assunte dal dio Visnù dall’inizio del mondo, per intervenire a favore della terra e dell’umanità).Questo “avatar” sarebbe ‘colui’ che i cristiani chiamano Cristo, gli Ebrei Messia, i musulmani Imam Madhi, i buddisti Maitreya etc etc etc… Colui che dovrebbe presiedere alla restaurazione degli antichi misteri,nei quali prosperavano pratiche occulte e riti gnostici, in cui eccelleva il”culto del serpente” ed il “culto del sole”.
      La cosa quindi importante è che nn è la moda degli ultimi anni ,un revival o qualcosa che arriva da epoca ottocentesca ma qualcosa che affonda le sue radici in periodi assai più remoti..infatti la “New Age” è in qualche modo la “ripresa di ‘quella’ della Babilonia di Nimrod.
      Si presenta come un insieme di idee e di tecniche in continua evoluzione, e racchiude credenze tra le più disparate, assunte sia dall’occultismo occidentale, sia dalle religioni orientali,come detto sopra, come la reincarnazione,i chakra,le medicine alternative,la riflessologia,il potere dei cristalli,lo zen,il
      channelling,l’ astrologia,la free-energy,il praanesimo,lo yoga,fiori di Bach ecc. Per coloro che vi aderiscono,questo è fondamentale ,è molto importante, è sufficiente anche semplicemente solo credere ad alcune di queste componenti….candele profumate per l’aromaterapia e per la casa, minerali e cristalli per salute e fortuna, suoni d’acque, musiche fluttuanti…
      Un’atmosfera che nella nuova “casa New Age” aleggia
      carezzevole e che a quanti l’abiteranno permetterà di ritrovare la loro vera “identità” che si era perduta nei petali del tempo… Ecco il New Age…abbiamo manifestazioni collettive come quella di New York,crociere,terapie,seminari come quello sulle costellazioni familiari,massaggi particolari,ritiri spirituali,conferenze su chirologia e biodanza,trasmissioni televisive come Mistero e siti dedicati…un fenomeno che si espande a macchia d’olio..

  3. Ma quando ci saremo liberati dalla superstizione cattolica, finalmente anche a Roma si potrà celebrare il dio Sole.
    In migliaia sono accorsi a Times Square Lunedi per commemorare il primo giorno d’estate. Il loro modo di festeggiare? “Downward dog”

    Ma non e’ vero!
    Anche qui in Italia lo si fa!
    Non e’ forse stato proprio Monti a metterci tutti nella posizione di Downward dog” ? (e non a caso Monti e’ la Mario-netta dei poteri finanziari)
    😀

      • Dalle illustrazioni yoga che ho visto direi che non sono molto differenti! Solo le ginocchia un po’ piu’ in alto… 😉

  4. La pratica dello yoga ha infatti come conseguenza l’ “apertura” dei chackra e la liberazione della kundalini,

    Sara’, ma anche a me succede che se mi abbasso e mi piego come quelli mi si “apre” qualcosa… Ma non sapevo che gli strappi ai pantaloni si chiamassero “chackra”… per tacer della “kundalini”…

  5. Non fate sapere a quelli del Cicap che la Scuola Italica che diede il diploma a Darwin era l’istituto omeopatico di Giovanni Ettore Mengozzi (casualmente un massone).

  6. “Yoga indica l’insieme delle tecniche che consentono il congiungimento del corpo, della mente e dell’anima con Dio (o Paramatma), l’unione tra Jivatman (energia individuale) e Paramatman (energia universale)” insomma, ci si unisce con tre cose non ben definite, l’unica cosa certa è che quello che chiamano “Dio” non è affatto Dio, poiché non avrebbe senso poi parlare di “energie”, dato che Dio in quel caso sarebbe superiore a qualsiasi cosa creata. Un bel guazzabuglio di idiozie, non c’è che dire. Da studioso di filosofia non posso non notare che certe volte è il SOGNO della ragione a generare mostri.

    • questa non la sapevo… che ne dite?

      camillo langone nella sua preghiera del 22 giugno:

      ” Poi c’è il dietro le quinte appena svelato da Roberto Dal Bosco in “Contro il buddismo”: i testi sacri del lamaismo (fino a ieri noti solo a monaci e studiosi) fanno sembrare il Corano un libro per educande promuovendo “lo stupro, la pedofilia, l’omicidio rituale, il suicidio rituale, un nazionalismo messianico di matrice apocalittica”. Nel Guhyasamaja tantra c’è scritto che un buon metodo per raggiungere la felicità è cibarsi di feci e urina. “

  7. Il solstizio non è un appuntamento spirituale solo per religioni orientali o esotiche, ad esempio in Italia coloro che si ispirano alle religioni tradizionali italiche hanno sempre “festeggiato” questa data.
    Ogni uomo cerca la propria strada per avvicinarsi al divino, io credo che ci voglia rispetto per tutte le manifestazioni di religiosità, sempre che queste non nuocciano a qualcun altro, altrimenti si rischia di fare la figura di quello che si sentiva superiore agli altri perché riteneva che il proprio modo di pregare fosse l’unico corretto e ammissibile e dileggiava quello degli altri: “ti ringrazio che non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte la settimana e pago le decime di quanto possiedo”

    • Buongiorno Silvio, e benvenuto.
      Che la celebrazione dei solstizi sia comune ad altre religioni, sia italiche che non, compare già nell’articolo, quello che certamente non compare è la mancanza di rispetto per qualcuno.

      Questo non significa che non sia lecito mostrare determinati fenomeni sociali e le radici di manifestazioni che potrebbero apparire spontanee mentre sono invece innescate e promosse da realtà legate a determinati centri di potere e di cui è bene conoscere l’esistenza.

    • La cosa importante di quella parabola e’ che non molti l’hanno capita, compresa grillini e neopagani 😀
      Quello che premeva sottolineare in quell’esempio, e’ la superbia e il fatto di non esser timorati di Dio e non riconoscersi peccatori davanti ai Suoi occhi.
      Altrimenti dovremmo giustificare anche gli adoratori di Satana e chi gli fa sacrifici, oppure chi adora pietre, o i soldi, o qualsiasi altro “falso dio”.

      • Si va di moda citare passi a caso…anche “troncandoli” ad hoc..
        Quello che si vede in Luca 18:9 con la parabola del fariseo e del pubblicano e che ritrova,abbastanza chiaramente, per esempio anche in Matteo 23:12 o anche in Matteo 6:5 è la ‘denuncia’ all’ipocrisia.
        Non vuol dire ognuno fa come vuole,co o cose del genere… vuol dire fuggire l’ipocrisia e anche nel pregare ricercare la verità,pregare con fede e sincerità non per timore,per usi o costumi o mode o per far bella figura in pubblico o all’interno di una comunità,o per costruire un’immagine di se
        etc…
        Guarda caso:
        “Ogni uomo cerca la propria strada per avvicinarsi al divino, io credo che ci voglia rispetto per tutte le manifestazioni di religiosità, sempre che queste non nuocciano a qualcun altro”
        è un pensiero certamente new age ma ‘cozza’ brutalmente con la dottrina cristiana,e con questo intendo con gli insegnamenti di Cristo,di Dio…
        E non si fa quindi riferimento ad un “esteriorità”.
        Ma perseguendo certe “strade” non cambia solo l’esteriorità ma soprattutto l’interiorità e quindoi c’è iun gran problema..

        Fare una carnevalata,una festa in occasione di un solstizio o di qualche evento naturale non c’è nulla di male.
        Non si deve giudicre certo nessuno per usi e costumi.
        Il problema è se c’è molto più oltre la festa,oltre la carnevalata…
        Come ho detto su è sufficiente anche semplicemente solo credere ad alcune di queste componenti new age per accogliere tutta la filosofia tranquillamente..
        E’ comodo costruirsi una porta larga in cui passare ma Cristo è una porta stretta..

        • e poi ci sarebbe anche il discorso di abitudine e di abituarsi a certe pratiche che costituiscono una apertura ad un mondo pericoloso, pur non facendole con particolare convinzione o anche solo per festeggiare. tipo allouin, dalla carnevalata poi si passa alle tavole divinatorie per gioco fino alle sedute spiritiche.

          habitat abitudne abitare abitazione abito(vestito) hanno tutte la medesima radice.

          l’abito non fa il monaco …. ma trasforma l’uomo.

          • Non son passaggi automatici.
            Dipende se uno ha fede,se ha volontà,se non spegne “la ragione etc..
            Dall’andare ad una festa-cena-ballo in maschera in un castello o dal fare yoga per stretching o altre cose per il fisico e/o rilassarsi etc..
            e dal fare riti esoterici,filtri,consultare e dar credito a cartomanti,fare sacrifici,applicare al proprio orto le follie di Steiner,prender parte a seminari di costellazioni familiari,a sedute spiritiche,ad evocazioni, o credere e quindi fare cose in virtù di chackra,Ki etc..e cercare processi di autodivinazione ne passa eccome se ne passa…
            La tentazione e l’inganno avviene ovunque.
            Ma fintanto che si rifiutano certe cose fintanto che non si lascia che entrino nella nostra vita non succede nulla.
            Il problema nasce quando si accetta,per curiosità,scelta o inganno una qualche forma di new age e di conseguenza poi con facilità si è portati ad accettarne in toto le basi,le fondamenta…
            Perciò l’abito non trasforma nulla..e non fa nulla è solo un abito finchè chi c’è dentro non decide che sia qualcosìaltro e/o che voglia dire qualcos’altro.
            Se uno non ci crede e/o le rifiuta,non le considera hanno voglia di presentarsi certe cose..ma non entreranno mai per caso.
            Se poi uno non si fida di se e sa che trasformerà l’innocuo in pericoloso allora forse invece che evitare certe cose farebbe meglio a “rivedere” un po’ se stesso.Se uno non fa qualcosa solo perchè fa in modo di non dover mai scegliere se si o se no è un po’ come se scegliesse si.La differenza la fa l’esser in grado di saper imporre il proprio no.

          • di tutto il buono che avremmo potuto copiare dagli americani, abbiamo copiato proprio le cose piu’ cretine, tipo halloween, introdotto da qualche spippacchione per trovare una scusa per sballarsi una volta di piu’ in discoteca.
            In Italia non c’e’ una tale irriverenza per la morte, ne’ una tale gotica ricorrenza, anche se, risalendo lo stivale, si possono riscontrare tradizioni piu’ simili a quelle celtico/pagane. Per esempio in Toscana si fanno i biscotti “ossi di morto” per il primo novembre. Amici di regioni piu’ a nord mi hanno raccontato di tradizioni simili.
            Ma niente di paragonabile a questo.
            Quando ero piccolo e vedevo Happy Days, non riuscivo a capire perche’ cavolo i protagonisti dovessero FESTEGGIARE Ognissanti (perche’ la traduzione italiana riportava correttamente “Ognissanti”).
            Nella nostra tradizione era un giorno serio, dedicato al nostalgico ricordo dei cari trapassati e alla cura (non si limitava solo a quel giorno inverita’) delle tombe.
            In poche parole, e’ proprio quella che si dice un’americanata.
            P.S.: ma siamo davvero cosi’ influenzabili dai telefilm americani?

          • Mah..in verità la più diffusa in tutta Italia, è la credenza che i morti tornino nella notte tra il primo ed il due novembre.
            Anche se ci sono eccezioni,per esempio,in Calabria, in autunno i morti tornano addirittura per un mese intero;per ciò, le famiglie mettono ,ogni sera, sul tavolo un piatto ricolmo di cibo, la bottiglia del vino, una brocca d’acqua(chi se lo mangerà..mah..) In Sicilia ,invece,sia si pensa che i preti che in vita non hanno “fatto messa” per cui avevano ricevuto elemosina siano ‘condannati’ a farla ai morti che perchè pigri o negligenti non parteciparono alle messe in vita,ma anche che vaghino la notte recitando il rosario..In Sardegna ci sono usanze simili..
            Le cosiddette strenne dei morti,volgarmente dette le ossa dei morti in verità esistono sia al sud che al nord che al centro…È il dolce che a Palermo i bambini buoni trovano la mattina del due novembre insieme ad altri regali. Mentre ai cattivi saranno riservati aglio, carbone e scarpe rotte. La leggenda racconta infatti che nella notte tra il primo e il due novembre i morti lasciano la loro dimora per scendere in città a rubare ai più ricchi pasticceri, ai mercanti, ai sarti, dolci, giocattoli, vestiti e tutto quanto hanno intenzione di donare ai loro parenti fanciulli che sono stati buoni nell’anno e li hanno pregati. Una tradizione che si è coltivata nel tempo per indurre la familia rità con la morte e con il mondo degli antenati.

            Tutto questo non deriva dall’Halloween.Di fatto halloween stesso trae origini dalla festa celtica di Samhain,che soleva festeggiare la fine dell’estate,un po’ come le altre stagioni,la fusione arriva però molto tardi dal 1500 al 1800 quando man mano si fondono molte cose assieme…
            Di fatto ad oggi per gli americani Halloween rappresenta quello che qui rappresenta grossomodo il carnevale…
            A doverla dir tutta,anche il jack-o’-lantern,la zucchetta con il lumino,prima che gli americani creassero la leggenda e usassero le zucche ,perchè quelle avevano,si usavano piccole rape col lumino e servivano per ricordare le “anime” bloccate in purgatorio.
            In verità quindi la festa più che un “americanata” è una “modernizzazione-paganizzazione di una paganizzazione del cristianesimo”.

            I Messicani son messi peggio:
            http://it.wikipedia.org/wiki/Giorno_dei_Morti

          • in Calabria, in autunno i morti tornano addirittura per un mese intero;per ciò, le famiglie mettono ,ogni sera, sul tavolo un piatto ricolmo di cibo, la bottiglia del vino, una brocca d’acqua

            Ti assicuro che questa non l’ho mai sentita.

          • devo dire davvero che mi giunge veramente nuova.
            Eppure ne ho amici reggitani.
            Mi sembra anche un po’ troppo “tirata” questa descrizione…
            In una zona dove la fame ha colpito duramente, fino a poco tempo fa (almeno anni 60-70) lasciare ogni sera d’autunno un piatto per non si sa chi mi sa di esagerazione.
            Certamente ho sentito dalla nonna racconti di spiriti & Co., come in ogni paesello dove ci sia un ponte costruito in modo “ardito” c’e’ la storia del santo locale che fa il patto con il diavolo, e poi il santo ricorre al trucco di far passare un cane per la promessa fatta al diavolo di dare l’anima del primo che passava…
            Che ci siano tradizioni legate al culto dei morti, non ci piove, ma sempre culto.

            In ogni caso non mi sembra paragonabile con l’irriverenza e la caricatura della morte che si fa durante Halloween.

          • Mah..diciamo che,beh prendiamo:
            http://www.halloweencelebration.it/
            in quel di Borgo Mozzano,tutto “carino” a suo modo,eppur invero vengon proposti a mo’ di carnevalata onori luciferini e si balla il “sabba”.Riguardo al quale, in origine va detto,rappresentasse un qulacosa di puramente pagano-rurale,ma come possono esserlo danze e cerimonie di tribù africane..E’ grossomodo nell’arco di tempo che va pressapocoi dal 1500 al 1800 come ho detto che assume,come le altre cose,un’altra valenza ,un’altra caratteristica.
            E così vecchi culti,credenze,dicerie,religioni pagane,leggende,paure,cerimonie vengono “riadattati” alla luce di nuovi culti e sfruttati per veicolare altro.
            Poi,in sede successiva,con successive trasformazioni ecco che allora man mano si liberano tutte le cose che più “non interessano”,che “non vedono”,e la cosa prende una commercializzazione,una modernizzazione e vengono accentuati quindi i caratteri che servon di più,arrivando così a quella che chiami:
            “l’irriverenza e la caricatura della morte”.
            Seppur comunque anche questo aspetto era presente nelle vecchie credenze e nei vecchi culti,nelle vecchie tradizioni proprio ,forse,come “esorcizzazione della morte”,tema che si ripropone nell’arte e nella cultura in più sfaccettature più volte nel corso della Storia..
            Vedi bene poi,questa e le precenti cose,con il Día de Muertos,dell’America Latina,sicuramnte il più vicino alle origini e decisamente si potrebbe definire qualcosa legato allirriverenza e la caricatura della morte.

  8. gianantonio on

    A proposito di buddismo, consiglio il commento (alquanto saporito, come sempre) di Camillo Langone al nuovo, credo ottimo, libro “Contro il Buddismo” di Roberto Del Bosco. http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=2323
    Il libro sembra offrire molto prezioso materiale per capire – e rigettare – questa pseudo-religione.
    Ad Maiorem Dei Gloriam

  9. una cosa che mi colpisce davvero tanto e’ il controsenso che vivono oggi tante persone.

    radicale fiducia nella scienza e contemporaneamente nell’esoterismo.

    eppure…

    e penso sempre al mio piu’ caro amico d’infanzia che oggi come da piccolo, poiche era stato educato cosi’, era patito per quark ,il piccolo chimico la scienza e….pietre filosofali,occulto e esoterismo

  10. Finalmente un articolo che fa chiarezza sullo yoga, che non è una pratica ginnica ma una forma di preghiera.
    In più chi va a fare un corso di yoga rischia di essere trascinato in una spirale dagli esiti pericolosi.
    Quando vedo i manifesti di pubblicità di quei corsi, mi accorgo che sono offerti insieme ad altri, tutti relativi al mondo della “new age” Difatti, in questi pseudo centri culturali vengono tenuti anche corsi di medicina ayurvedica, cristalloterapia, medicina olistica e aromoterapia, Sulla serietà di queste scuole e sul modo col quale giocano sulla salute altrui ci sarebbe molto da di dire. In più, a volte, vanno oltre. Durante un viaggio in treno, mi ritrovai seduto accanto a due ragazze. Una raccontò all’amica che si era appena iscritta ad una scuola di yoga e che aveva avuto un dialogo con la direttrice, una psicologa. Questa le aveva detto che la filosofia della scuola era che le persone dovevano soddisfare ogni loro desiderio, infischiandosene degli altri.
    Non aveva importanza se ci andavano di mezzo anche gli altri, fossero pure i figli. Raccontava che le era stato portato ad esempio Einstein che, stando alla direttrice, faceva beneficenza ma aveva lasciato la moglie. Questo fatto, per la cretina che avevo a fianco,era molto significativo. Non si accorgevano che veniva propagandata una filosofia di vita molta comoda e satanica: “Fai ciò che vuoi!”, volta ,”in primis”, alla distruzione della famiglia.
    In più, mi venne il dubbio che il fine di quella scuola non fosse lo yoga ma il sesso.
    Purtroppo, molti corsi di yoga si tengono all’interno di locali parrocchiali; evidentemente i parroci non sanno, o fanno finta di non sapere che lo yoga è una preghiera non cristiana ed agevolano l’inizio di un cammino verso l’apostasia.
    Marco

  11. replico un post che ho fatto su un altro sito:

    “comunque la foto e’ inquietante guardata da un certo punto di vista….

    tutti belli apparentemente sani , 25-35enni , ben ordinati , inquadrati , simili, educati… :)”

    e qui aggiungo : quasi tutte donne…. le solite tacchine!!! 🙂 🙂 🙂

    • si infatti… Mi sembra pure una foto preparata!
      Tutte ragazze giovani, belle, senza un’ascella sudata, una racchia, un panzone, qualcuno con il “salvadanaio” di fuori!
      Fin troppo preparata!

      • beh..in primis va notato che nacque come una “trovata commerciale”,in secondo luogo va detto che è una sorta di “raduno” di appassionati proiprio li proprio in quel giorno.
        Un po’ come un raduno di Harley.
        Non so se siete mai stati a New York ma c’eran uomini li a yoga a cui si vedevan le costole…di solito li le coste se le mangiano dentro un bel pezzo di pane…
        Va da se che i praticanti “appassionati” radunatisi li avessero determinate caratteristiche comuni..

        • non mi risulta che a racchie e panzoni fossa proibito lo yoga, ne’ che i praticanti avessero raggiunto livelli di prana tali da non sudare!!! 😉

      • Suvvia, ragazzi… mi negate persino la selezione naturale? La foto è stata SELEZIONATA tra le migliaia scattate quel giorno!

        Ps Questo dimostra la validità del darwinismo.

        • Dài!
          Quella bella gnocca bionda in primo piano, con tanto di capelli ben sistemati.
          Alla sua sinistra l’uomo di origine asiatica, che fa tanto “multiculturalismo” e senza peli di fuori…
          Alla sua destra un’altra diorigine asiatica.
          Ci fosse uno brutto e panzone!

          • Mi vuoi dire che c’è dietro un progettista?!?

            (LOL, non credevo che fosse così divertente fare il troll)

          • Ma dove?
            Nella creazione della biondona?
            Si’, e viste certe bellezze non faccio fatica dire che deve essere un dio per fare cose del genere 😉

            Se dici dietro la foto, pure, pero’ questa volta mi sa che sia di senso opposto (per la precisione, con le corna, le zampe caprine e il forcone!) 😀

  12. Ringrazio l’autore per la risposta garbata: certamente è lecito mostrare e criticare fenomeni che si considerano inquietanti, non so se personalmente mi sento di considerare tale quello di New York, pur essendone istintivamente lontano. Circa i centri di potere concordo, dando però il beneficio del dubbio individuale, altrimenti facciamo come quelli che accusano anche noi cristiani di agire sotto l’influsso di centri di potere. Per quanto riguarda invece i commenti, non so praticamente nulla di new age ma catalogare la mia affermazione come tale è una forzatura e per dimostrarlo cito un passo che riassume il concetto (passo non a caso, ma troncato ovviamente ad hoc): “Non si può seguire una sola strada per raggiungere un mistero così grande”, un passo abbastanza vecchio da non poter essere considerato new, tanto per dire che non tutti i pagani di oggi sono new age o adoratori di satana, sempre che questi ultimi possano rientrare nella categoria: “non nuocere al prossimo”. Sicuramente sono troppo vicino al (neo)paganesimo per poter capire le parabole, sono anche troppo timorato di Dio per considerarmi l’unico autentico esegeta biblico.

    • per dimostrarlo cito un passo che riassume il concetto (passo non a caso, ma troncato ovviamente ad hoc): “Non si può seguire una sola strada per raggiungere un mistero così grande”,

      E neanche in questo caso ti sei smentito.
      Certamente non e’ un passo cristiano, ma di questo pagano.
      Tuttavia non posso non ribadire, condensando in una parola:
      Embe’?.

      tanto per dire che non tutti i pagani di oggi sono new age o adoratori di satana,

      Per essere “new age” (e questo Leonetto lo sa meglio di me) non e’ necessario essere nati prima della “new Age”.

      Sicuramente sono troppo vicino al (neo)paganesimo per poter capire le parabole

      su questo non c’e’ alcun dubbio

      sono anche troppo timorato di Dio per considerarmi l’unico autentico esegeta biblico

      su questo invece i dubbi ci sono

      • Ti Quoto Piero..
        Del resto,un Cristiano sa che :”affinché non siamo più bambini, sballottati e trasportati da ogni vento di dottrina, per la frode degli uomini, per la loro astuzia, mediante gli inganni dell’errore, ma dicendo la verità con amore, cresciamo in ogni cosa verso colui che è il capo, cioè Cristo.”perchè Egli è la Via,la Verità,la Vita”,e, per definizione, non può essere che una,non possono esistere 2,4,100000 verità,pertanto se non si va a Dio “per mezzo di Lui” si percorre qualcosa che non può portare alla Piena Luce, quella di Dio, bensì ad una luce minore… quella di Lucifero.
        Se si sceglie la porta larga,se si è attratti dal paese dei balocchi e si entra poi,ci se la può cantare e suonare come si vuole ma si inganna semplicemente se stessi.
        Ciò non vuol dire nè repressione nè altre cose negative,semplicemente come Cristo ricorda:”Perché mi chiamate Signore, Signore, e non fate quello che dico?”
        Tutto li.

    • ciao Silvio,

      anche secondo me l’adesione all’evento e’ stata spontanea. posso dire che una mia amica stretta fa yoga da molto tempo ed e’ assolutamente simile al tipo di donna delle foto: bella brava sana.

      e che nella foto siano quasi tutte donne secondo me dipende dal fatto che le donne sono in generale piu’ attratte da certe pratiche e raduni del tipo.

      semrpe citando la mia amica ioghista lei mi dice che alle sue lezioni l’80 percento sono donne!

      da cattolico posso aggiungere una mia considerazione personale: storicamente le donne sono piu’ ingannabili(eva);)

      • mah forse le femmine si lasciano ingannare dai serpenti, ma noi maschi ci facciamo ingannare dalle femmine!

  13. Lo so che Simmaco era pagano, non sapevo che fosse new age, in tal caso devo dire che fino ad oggi sono stato troppo prevenuto nei confronti della new age, forse per via della musica… spero di non scoprire che pure i Guns n Roses sono new age altrimenti avrò una vera crisi di coscienza! Circa l’esegesi e l’unica verità, se qualcuno, io per esempio, viene fuori con un’interpretazione dei Vangeli che non ti piace, sicuramente la respingi e fai bene, perché ognuno alla fine deve rispondere alla propria coscienza. Accetto quindi i consigli da uomo a uomo, ma se le vie che percorro sono sbagliate lascio che sia Lui a giudicarlo, quando sarà il momento. Ma queste sono divagazioni su cose personali, torniamo a bomba.
    In quest’ultimo intervento, volevo esplicitare un argomento sottinteso nel mio primo commento: i vari movimento detti genericamente neopagani, sia di derivazione orientale, esoterica e ancor di più quelli che si ispirano alle nostre religioni precristiane, sono comunque un fenomeno marginale e minoritario, mentre la scristianizzazione dell’Occidente, cui fa riferimento talvolta anche il Papa sembrerebbe un fenomeno molto vasto. Quindi, forse, i due fenomeni sono meno correlati di quanto generalmente si ritiene, inoltre a dispetto di manifestazioni come quella di New York e del fatto che gli USA siano la patria della modernità, del scientismo e delle mode, il cristianesimo è considerato (non so se a torto o a ragione) più saldo oltreoceano che non in Europa.
    Ci rifletterò su e ci scriverò su, ma per ora non ho delle risposte certe. Arrivederci alla prossima.

    • “se qualcuno, io per esempio, viene fuori con un’interpretazione dei Vangeli che non ti piace, sicuramente la respingi e fai bene, perché ognuno alla fine deve rispondere alla propria coscienza. ”

      L’interpretazione dei Vangeli non la do ne io, ne tu, ne nessuno, secondo sua coscienza, si ottiene invece dalla Bibbia stessa,tramite parallelismi fra i vari libri dell’AT e del NT, che permettono di risolvere dubbi di ogni sorta relativi alla dottrina.
      Anche sul momento beh..lo decidi tu il momento?Anche su quello e su tutto il resto trovi risposta chiara nei Vangeli e nelle Scritture in toto,delle quali ti consiglio una lettura,laciandoti aiutare dallo Spirito Santo in essa e non da antroposofia…

    • vari movimento detti genericamente neopagani, sia di derivazione orientale, esoterica e ancor di più quelli che si ispirano alle nostre religioni precristiane, sono comunque un fenomeno marginale e minoritario, mentre la scristianizzazione dell’Occidente, cui fa riferimento talvolta anche il Papa sembrerebbe un fenomeno molto vasto.

      Mah… mi sembra che uno preceda l’altro, cioe’ alla scristianizzazione dell’Occidente segue un orientamento verso movimenti neopagani e religioni orientali.
      Non mi sembra affatto un “fenomeno marginale”, se si considera poi quanta genta faccia yoga in America e come si stia diffondendo anche in Europa.

      Quindi, forse, i due fenomeni sono meno correlati di quanto generalmente si ritiene, inoltre a dispetto di manifestazioni come quella di New York e del fatto che gli USA siano la patria della modernità, del scientismo e delle mode, il cristianesimo è considerato (non so se a torto o a ragione) più saldo oltreoceano che non in Europa.

      Anche qui, mah…
      Piu’ saldo oltreoceano?
      Forse nella parte SUD, ma anche qui con delle sbandate, tipo la teologia della liberazione, o le varie santerie e miscuigli anche qui neopagani e religiosita’ animiste.
      Quanto al Nord, e’ diventato poco meno dell’ateismo.