Covid-19#3: “Stato di emergenza”

38

La limitazione delle libertà fondamentali è delimitata da una linea rossa, da una parte lo ‘stato di emergenza’ dall’altra lo Stato di emergenza.

La necessità di una drastica limitazione delle libertà fondamentali ridotte al limite degli arresti domiciliari, con un immancabile neologismo anglosassone è stata battezzata “lockdawn”, è motivata dalla riconosciuta emergenza sanitaria legata al Coronavirus Covid-19.
Con il primato della salute del cittadino sulle logiche globaliste della mancanza di confini emerge un ritrovato ruolo dello Stato a tutela dei singoli componenti della società e forse anche per questo le misure che hanno imposto confini all’interno delle stesse città, seppur pesanti da sopportare, sono state accolte positivamente.

La motivazione del confinamento in casa è stata individuata nella necessità di limitare i contatti e quindi i contagi per diluire la distribuzione dei casi in un arco di tempo più lungo e dare così l’opportunità di non saturare i posti in terapia intensiva, il principio è esposto in modo semplice nel seguente breve video:


La situazione è descritta più dettagliatamente in quest’animazione in cui compare anche la modificazione della curva di sostenibilità delle strutture sanitarie che nella fase iniziale si innalza perché le stesse non sono eccessivamente stressate.
E’ però ancor più interessante osservare che in ogni caso il livello di sostenibilità si innalza a seguito del potenziamento messo in atto dopo il verificarsi dell’epidemia.

La diluizione comporta un blocco parziale del contagio, non totale, ma questo è sufficiente perché raggiunto il livello di sostenibilità delle strutture sanitarie (nel frattempo rafforzate), i provvedimenti restrittivi possono essere gradualmente allentati e infine revocati perché il diffondersi del contagio può essere gestito nel suo dispiegarsi conducendo così la popolazione totale a quella che viene conosciuta con il termine “immunità di gregge”.

Altra dinamica è invece quella legata al tentativo di bloccare totalmente il contagio, in questo caso si tratta di una scelta che comporta un’emergenza tendenzialmente illimitata per due emotivi:

– le misure di isolamento devono essere più lunghe perché è necessario arrivare alla certezza che nessun caso di positività sia ancora in circolazione come potenziale nuovo punto di innesco del contagio.

– non è possibile avere il controllo delle misure prese in altri paesi, quindi il contagio potrebbe sempre ritornare in una seconda ondata o in più ondate successive.

Secondo la strategia del contenimento lo stato di emergenza dunque può terminare quando il contagio è ancora in corso ma la curva è stata abbassata sotto il livello di sostenibilità, mantenerlo oltre questo punto non è necessario.
Questi calcoli possono essere svolti solo da chi dispone dei dati complessivi, Ministero della Salute e ISS, e una volta determinato il giorno in cui la soglia di sostenibilità sarà assicurata questo andrà comunicato per dare un riferimento alla cittadinanza e non determinare uno stato di emergenza senza fine.
Al momento le indicazioni prevedono il picco per il 25 marzo, in questo caso l’allentamento delle misure restrittive non dovrebbe seguire di molto.

La dinamica della soglia di sostenibilità comporta anche il fatto che non sarebbe opportuno prolungare troppo le misure, questo avrebbe come unica conseguenza un tempo di emergenza più lungo del necessario incrementando così i danni sociali ed economici.

Ogni giorno non necessario di restrizione delle libertà personali di movimento e libera circolazione, ma anche e forse soprattutto, della normale attività politica e parlamentare con conseguente sospensione di fatto della democrazia, segnerebbe il passaggio senza soluzione di continuità da una dinamica di ‘stato di necessità‘ a quella di ‘Stato di necessità‘ cioè ad uno stato di emergenza illimitato che risulterebbe indistinguibile, se non per le motivazioni addotte, dalla sospensione della democrazia che consegue ad un colpo di Stato.
Nel caso dello ‘stato di necessità’ i provvedimenti restrittivi delle libertà servono per tutelare la salute di tutti, nel secondo caso servono a qualcos’altro. Semicit.

Share.

About Author

Laureato in Biologia e in Farmacia, docente di scienze naturali Nel 2011 ha pubblicato "Inchiesta sul darwinismo", nel 2016 "L'ultimo uomo" e nel 2020 "Il Quarto Dominio".

38 commenti

  1. Giuseppe Cipriani on

    Io voto con te lo stato di necessità, caro Enzo. Consapevole che ora è necessario per il bene di tutti, nella speranza che sia realistico quel 25 marzo che indichi. Ragionevolissimo il principio della strategia del contenimento, da sottoscrivere!
    Resta in me, in questo momento, il dubbio sulla percentuale elevata di decessi nel nostro Paese. Probabilmente i contagiati sono molto più di quelli rilevati, ma resta il magone se penso che probabilmente sono anche il frutto amaro dei criminali tagli alla sanità fatti nell’ultimo ventennio… Da processare retroattivamente quei politici miopi! Ma sono sicuro che questa pandemia segnerà un punto di svolta epocale: le persone al primo posto, i fatti economici in subordine. E ci salveremo dai veleni della politica, a caro prezzo, ma vi salveremo anche da quelli. E da non credente grido anche “viva papa Francesco”, uomo di tutti, uomo che promuove la fiducia nell’ uomo.

    • Enzo Pennetta on

      Mi unisco alle tue speranze Giuseppe, voglio essere ottimista ma realisticamente so che ci sarà un periodo molto duro da affrontare.
      Anche solo lo spirito dei primi anni 2000 mi sembra un sogno.

      • Viva Papa Francesco.Se è il rappresentante del Salvatore, di tutti deve essere il rappresentante;primo dei poveri e dei sofferenti,dei malati,degli sfruttati,dei perseguitati nella Fede e di tutti gli oppressi.Queste categorie sono sovranazionali,sopra le razze e i continenti.Di questi,ogni giorno, il Rappresentante di Gesù Cristo deve ricordare e far ricordare.Senza nessuna preferenza.Senza scelte politiche.Senza opportunismi.E negli ultimi 20 giorni,effettivamente,questo Papa è quello che sta facente.

  2. FRANCESCOM on

    “Shock and awe”. Colpisci e terrorizza; in altri termini: crea il problema, offri la soluzione, presenta la parcella. Faccio una sola premessa, indispensabile per prevenire obiezioni straw man: il coronnavirus esiste.

    Questo post non sarà lungo, davanti all’evidenza le parole sono sprecate; solo chi ha subito l’asportazione del nervo ottico può non vedere che siamo in presenza del più massivo esperimento di controllo sociale della Storia. Ripeto e preciso, il coronavirus esiste, e se non esistesse lo si sarebbe dovuto creare, ed infatti esiste. Per la prima volta faccio quasi il tifo per i cattivi, senza dubbio sono gli unici intelligenti rimasti (questione a parte è quanto pervertita sia tale intelligenza).

    Esperimento mentale: un tizio si sveglia dal coma oggi, guarda il “nuovo mondo”, MA non sa nulla del coronavirus. Come descriverebbe lo stato della società italiana, se non come una dittatura con un controllo sociale ancora più asfissiante che in tempo di guerra? Ovviamente, ve lo ripete la TV (non a me, che non accendo una TV da almeno 20 anni) tutto questo è fatto perché i papini buono, contino e dimaino, salino e zingarino, si prendono cura di noi. Alla fine, quando ci avranno salvato, davvero col cuore sanguinante, ci diranno che dovremo consegnare loro le mutande.
    Allego due link, entrambi di Byoblu:
    https://www.youtube.com/watch?v=PAhqxn2womo
    https://www.youtube.com/watch?v=tC84wONn1ZA

    Quanto a Bergoglio, mi rendo conto che la questione è delicata; non perché il manesco argentino meriti delicatezza, ma perché non mi perdonerei di aver offeso la sensibilità di alcuno.
    Mi limito ad affermare, premettendo che, per la prima volta da quando scrivo su CS, NON risponderò ad alcuna replica, che egli non è soltanto il peggior Papa della Storia della Chiesa, ma è anche una delle figure più sinistre di sempre.
    Lascio la parola a Francesco Lamendola.
    http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV2673_Lamendola_Bergoglio_bestemmia.html

    Un solo appunto muovo a Lamendola: la artata distruzione degli ordini contemplativi, non comincia
    certo con Bergoglio, essa iniziò all’indomani di quella tragedia che fu il CV2. Avendo frequentato monasteri contemplativi so, in prima persona, di che parlo. Questi santi uomini, i monaci, dal CV2, hanno subito, un esempio per tutti, l’umiliazione di essere sottoposti a visite psichiatriche periodiche. Inimmaginabile lo sconcerto e lo smarrimento di questi uomini pii, obbedienti, mansueti, e la loro sofferenza silenziosa, devastante. Bergoglio ha messo il punto esclamativo su quest’opera, ancor più miserabile che sulfurea.

    • Enzo Pennetta on

      Sempre molto interessanti gli interventi di Francescom.
      Come si può capire dall’articolo ne condivido le preoccupazioni e sono anch’io dell’idea che voluto o no siamo davanti ad un immenso laboratorio sociale e in un pericolo reale per la democrazie dei tempi a venire.
      Su questo preannuncio solamente un prossimo intervento.

    • Giuseppe Cipriani on

      @Francescom
      Chi sarebbero, in concreto, gli sperimentatori del controllo sociale che paventa? E a che fini?
      I politici italiani che cita in modo spregiativo sono, come me e come lei, impotenti, dri poveri cristi, dinanzi al piccolo virus che esiste e che abbiamo tutti, chi piu e chi meno, sottovalutato.

      Gli ortodossi cattolici del primo concilio che criticano papa Francesco danno a me, agnostico, l’idea di essere dei poveretti superati da decenni e ancorati disperatamente a una religione spappola_cervello. Peggio della televisione. A proposito, ho conosciuto di recente una suorina di clausura 38enne dei servi di Maria, fin che ci parlavamo le sorridevano gli occhi in modo contagiante, era serena da far bene, nessuna visita psichiatrica subita…

      A proposito, sembra che abbiano sospeso i! Patto di stabilità… In barba alle cassandre di recente memoria! I tempi saranno duri per tutti, siamo TUTTI sulla stessa barca. Io resto fiducioso riguardo al recupero della dimensione umana.

    • Beh da almeno 20 giorni si è dimenticato di dire agli italiani(ogni giorno) che “devono” accogliere senza se e senza ma “gli altri”.Nutrirli,mantenerli e pure la casetta devono trovare.Se non era per il virus sarebbero arrivati altri centomila,in pochi giorni.Signori in effetti la pazienza degli italiani è senza limiti.Certo è che per conquistarsi il Paradiso bisogna sudare…probabilmente non bastano le preghiere.

  3. Prof.scusami se per un attimo sono Fuori tema.Adesso su sputniknews.com ho trovato un articolo direi interessante: Phd Student FinallY Proves One of Darwin’s ……….Nei commenti sei pure citato tu…

    • Enzo Pennetta on

      Grazie, come al solito “finalmente” non è stato provato niente di significativo.
      Nei commenti effettivamente c’è il mio video su Byoblu, interessante che si citato in una serie di commenti in lingua inglese.

      • Grazie Prof.Avendo letto l’ articolo su un giornale online come sputnik,che mi fornisce tantissime informazioni dalla Russia(molti articoli comunque non sono la voce ufficiale del giornale,ma ogni autore è responsabile propriamente di quello che scrive)e ritenendoLo affidabile(sputnik), dopo aver visto il commento in cui sei citato mi sono permesso di interpellarti.GrAZIE.ps.Su un profilo facebook di un politico francese ho letto un articolo(argomento coronavirus) dove si cita la clorochina(cura per la malaria ?) chissà se serve a qualcosa.

  4. pardon per il nuovo Fuori teMA: commento di Minoan 10:56 GMT 20.3.2020.
    WHAT THEY DO NOT TELL ABOUT CHARLES DARWIN-Enzo Pennetta-watch?v=
    WiGqbUMtEQ

  5. Giuseppe Cipriani on

    Dopo una notte di pensieri rivendico una libertà: quella di rinunciare al bombardamento mediatico tutto. E con tutto intendo tutto: non c’è un media migliore dell’altro, tutti hanno un padrone: dalla tv pubblica a quella privata, dai giornali di “partito” a quelli pseudo culturali, a quelli di controinformazione; tutti contribuiscono a diffondere panico, ostilità, confusione di popolo. Oscuro anche intellettuali e opinionisti, esperti della minchia e consiglieri di comportamenti, liberi pensatori e anarchici, frati e fraticelli, vescovi e cardinali… Oscuro sindaci e governatori, medici e infermieri, morti e moribondi, virus e coronavirus. Oscuro la rete ostile, la pestilenza che diffonde, la boria dei sapienti di un giorno, di un’ora.
    Lascio uno spiraglio che spero di luce a chi si rimbocca le maniche e sparge fiducia, a chi prega il dio del senno di assennarci, a chi piange sognando un abbraccio fraterno, a chi mira in alto, la dove gli spiriti davvero liberi e critici si tengono per mano… Intanto, con queste mie mani, do una carezza ai miei lithops che ora rinascono a vita nuova, metafora vegetale di quel che vorrei per tutti noi. Amen

    • Bella,bellissima preghiera la tua.Ma a me viene in mente di farmi almeno due domande:1 si è trattato di un esperimento “fallito” in un laboratorio cinese ? 2 la causa del virus viene da come la bestia umana gestisce i suoi sottoposti esseri viventi,ovvero gli animali.Certo che in entrambi i casi Una Giustizia Divina esiste.Se L’Uomo è stato posto su questo pianetino per farne un Giardino e lui in realtà usa il suo potere(La Mente) solo per distruggerlo è “naturale” che il pianetino si ribelli.Poi ridicolo che si chiami in causa Dio mentre,infatti,tanto per cambiare è sempre la Bestia Umana a causare tanta distruzione.ps.Per motivi commerciali,e patti vari non si sono effettuati controlli(parlo della signora Europa e Italia)alle frontiere,quando già si sapeva dell’emergenza propio vero:Pecunia non olet…..quanto ne sapevano gli “antichi”….

  6. il mio inconscio,probabilmente(chi sa cosa direbbe Freud) mi ha fatto dimenticare il punto esclamativo alla seconda domanda.Ma chi sa forse è propio la risposta anche alla prima.

  7. FRANCESCOM on

    Ho scritto che non avrei replicato a commenti al mio scorso post. Questo è un nuovo post non la replica ad alcuno. Non la si prenda per scortesia o supponenza (ma se così la si prenderà, pazienza), ma trovo poco sensato discutere con chi è male informato; oppure, da cieco, pretende di descrivere i colori di un paesaggio.

    Garrota (Treccani):
    “Strumento di supplizio usato in Spagna per l’esecuzione di condanne a morte. Consisteva in un palo cui erano fissati, in basso, un panchetto su cui sedeva il condannato e, più in alto, un cerchio di ferro che, stretto mediante una manovella a vite, stringeva il collo della vittima fino a strangolarla”.

    AgCom:
    “L’AgCom ha diramato un comunicato stampa in base al quale chiede ai social network come Youtube, Facebook e Twitter di rimuovere i video con informazioni false o anche solo “non corrette”, o non diffuse da fonti scientifiche accreditate. Chiede anche che gli autori responsabili di questi video vengano individuati e segnalati”.

    Ancora Byoblu.
    https://www.youtube.com/watch?v=pxuaB9f-vW4

    Zio Adolfo, zio Giuseppe (non Giuseppi, che ai due prima non arriva al calcagno), zio Big Brother, Zio Pol, e tanti cuginetti meno noti, fanno un baffo ai moderni tizzoni di inferno, ai quali, come scrivevo ieri, devo attribuire la capacità di perseguire lucidamente e razionalmente obiettivi; che è un modo per definire l’intelligenza. Il popolo, cosa nota da sempre, si conferma – come immortalato dalla saggezza dei proverbi – definitivamente bue. Lo rinchiudono in casa, e ringrazia; sanno che a casa non potrà far altro che stare incollato alla TV (eccelso strumento di manipolazione mentale), e ringrazia al quadrato. Gli firmano sotto il naso il MES (atto finale per la riduzione in schiavitù), e ringrazia al cubo.
    Naturalmente, riferendomi agli intelligenti non avevo in mente questa manica di disgraziati del Governo, né tutti gli intellettò assisi in seduta permanente a “educare” il popolo; né la colonna infame – pozzo di miseria tra miserie – dei giornalisti e mezzebuste. E neppure la sentina di nequizie che è la Curia Romana, intreccio tra sodomie, affari, finanza, massoneria, e laidume, persino fisico, a partire dal Capo. Con ogni ovvietà, mi riferivo alla grande nobiltà capovolta che tira le fila di tutto, la grandissima Finanza, di cui i Soros, per intenderci, o i Sassoon (di cui Enrico, del ramo italiano, fu tra i fondatori di quel grullesco Movimento di rivoluzionari da doposcuola che oggi governa coi mostriciattoli), sono semplici ragazzotti di bottega. Ecco, questa gente è temibile, perché in essa convive una sopraffina intelligenza unita a una (non si potrebbe definire altrimenti) non umana mancanza di moralità. Ecco, questi sì, questi sono davvero mostri, peggio che quelli delle favole per i bambini.
    Tornando al presente, ogni giorno che va la garrota si stringe. Auto della Polizia pattugliano le strade, e coi megafoni a tutto volume, minacciano il carcere per chi osi mettere il naso fuori senza giustificato motivo. E il popolo applaude, perché si sente protetto, o meglio, gli hanno detto in TV, a reti unificate, che questo serve a proteggerli, che è per il “bene comune” E LA TV NON POTREBBE DIRE UNA COSA FALSA. Mentre scrivo, sento un elicottero ronzare sulla mia testa…

    Un mio caro amico (mi comunica adesso) ha saputo che ieri, due strade sopra dove abita, hanno trovato un vecchietto (che vedeva di tanto in tanto portare in giro il cane, e sorrideva sempre, anche quando da sorridere non c’era niente; così mi ha detto l’amico quasi piangendo) morto davanti alla TV. Dei parenti, coi vigili del fuoco, hanno alla fine sfondato la porta, perché il cane non la smetteva di abbaiare e del vecchietto non si aveva nessuna notizia. Stava seduto su una poltrona davanti al televisore ancora acceso, stringeva con entrambe le mani un coltellaccio da cucina, che si era piantato nel cuore.
    Io ricevo di continuo, in questi giorni, telefonate di conoscenti con i quali ho sempre avuto rari rapporti. Bene, nella minor parte, vedo persone sempre equilibrate in condizioni di moderata instabilità mentale; nella maggior parte, purtroppo, queste persone delirano!!!

    Stanno facendo salire la pressione in una pentola che, allo stesso tempo, vanno sigillando. Sono il solo a sentire questa pressione? L’esisto non può che essere catastrofico, è una legge fisica.
    Io li capisco gli increduli; si tratta di brave, ma ingenue, persone, che non possono credere che il mondo possa essere abitato da loro simili che somigliano più a demoni del profondo inferno che ad umani. E intanto, qui fuori, la ronda continua a passare, col megafono spianato, a ripetere che mi aspetta il carcere e multe salatissime, se non mi metto in riga. Ed io so che è il livido Giuseppi, ed i mostri che lo comandano che mi sta facendo questo. Giocano con noi come fossimo insetti, e non vedo nessuna cavalleria in arrivo.

    Scrivo questo sfogo, ringraziando Enzo per l’ospitalità, e sperando che si possa continuare a scrivere, che, come chiede AgCom, non chiudano i siti di chi non si prostra davanti al tiranno. Diversamente vi saluto, è stato un piacere condividere. Ho avuto una splendida vita, spero lo stesso di voi.
    P.s.
    Presto arriverà un vaccino, una vera mano santa contro un virus mutante, ossia un vaccino tanto caro quanto inutile. Ci imporranno per Legge, con ogni probabilità, di farcelo sparare dentro, e chi si rifiutasse sarà espropriato del proprio corpo, e vaccinato lo stesso.
    P.s.
    Qui appresso, un grande Mazzucco.
    https://www.youtube.com/watch?v=t_ub8R5l73w

    • Però le dico la verità(la mia) considerando che ancora si può scrivere qualche rigo in questo bel blog che Mazzucco,a cui giorni fa credevo come il Nuovo avanzante, mi sembra che cavalchi la tigre un po’ confusamente;mi riferisco anche(argomento non attinente al coronovirus ma a Mazzucco)a come ha gettato in campo la sua “scientifica” visione della Sindone,si quella a cui praticamente tutti(propio TUTTI) attribuiscono una qualche teoria.Era partito dalla Luna,prima da J.F.kENNEDY,in ordine sparso fino agli Ufo,poi New Jork e l’attentato alle torri gemelle e ora arriva al coronovirus=TOMBOLA! Qualcuno ha vinto la bambolina.In pratica non si è fatto sfuggire niente.BUT(in italiano ma!) lo dobbiamo ringraziare per il bellissimo video su La Chiesa di Darwin autore Valentino Bellucci.Ritornando a questi giorni di panico direi(a proposito ….PANICO?……davanti la coop della mia cittadina pochissimi giorni orsono,in fila,chissà se tutti alla distanza di un metro c’erano centinaia di persone assillate dagli acquisti “prima della fine del mondo”….e tutti(quasi)senza nessuna precauzione)…..direi ? Già detto.”A me mi” sembra che la gente sia scema,non ragiona,questo si è il problema.Nei sondaggi di oggi e ieri vengono premiati chi non ha allertato in tempo(questo governo) le emergenze necessarie per fermare(meglio rallentare)il virus.Io mi fermo qui.Solo un altro Valentino(in questo blog) può essere “capace” di scrivere lunghi e bellissimi carteggi.

    • Enzo Pennetta on

      Sconvolgente quello che racconti Francescom, il fatto è che purtroppo è la realtà che stiamo vivendo.
      Riguardo ai contenuti del video di Mazzucco il problema non è neanche che si debbano dimostrare le congetture, il vero problema è che non se ne possa neanche parlare.
      E’ il problema dell’informazione omologata, ore e ore di trasmissioni sul coronavirus tutte a dire le stesse solite cose, retorica e nulla più, mai che qualcuno facci avere giornalismo di inchiesta.

  8. Giuseppe Cipriani on

    La chiudo, consapevole che nella controinformazione e controstoria si annida spesso della verità, che non potrà mai però essere tutta la verità. Altrimenti saremmo dinanzi a un altra faccia del pensiero unico e controinformazione sarebbe quell’altra. Se ci sono degli speculatori, mi fanno pena: sono mortali e avranno come tutti il tempo del pentimento e in ogni caso la morte farà giustizia in tempi sempre troppo brevi. A me, ingenuo, questo basta per rasserenarmi fin da ora.

    Detto questo, sono pronto a scommettere che nessuna censura interverrà qui, se accadrà sarò pronto a immolarmi per far trionfare la libertà di pensiero e di opinione di un blog che seguo da anni e non mi ha mai deluso per onestà intellettuale e rispetto dell’uomo. Ne ho visti passare qui che hanno fatto il bello e cattivo tempo, e di tutti serbo un buon ricordo perché alla fine, pur nelle opposte concezioni di vita, quel che trionfa, deve trionfare, è la consapevolezza che siamo nella stessa barca. Remiamo assieme con buona volontà.

    • Enzo Pennetta on

      Ciao Giuseppe, c’è troppa censura fuori e voglio che qui si respiri aria pulita, dove persone come te e gli altri amici possano parlare liberamente, ovviamente se arriva qualcuno con toni aggressivi o che insulta la strada della porta non è mai stata chiusa…
      Grazie per i tuoi contributi.

  9. Giuseppe,mi permetto due righe:Non da oggi siamo nella stessa barca! E da sempre c’è chi rema e chi finge di remare.Di certo Nostra Signora Morte non guarderà in faccia a nessuno,ma avere la Coscienza Pulita,per un onesto è la più grande ricchezza,almeno questa è una certezza scientifica(senza le virgolette).

    • Giuseppe Cipriani on

      Bravissimo Sto’, saggio come sempre, umile e intelligente. Chi finge di remare o, peggio, rema contro, prima o poi si smaschererá e farà la figura del più grosso pirla della terra. Fidati.

      • Certo carissimo,ed è anche importante smascherare questi “antisportivi”,che invece di lottare simulano.

  10. FRANCESCOM on

    “Circa il coronavirus non ci sono certezze2, dice Arnaldo Vitangeli, “però possiamo ragionare sui fatti”. Concordo al 100%. Questo suo video è di una chiarezza impressionante.

    https://www.youtube.com/watch?v=xG4C3qqm5FU

    Chi dicesse di avere certezze, oggi come oggi, si singoli fatti e aspetti riguardanti il coronavirus, si autocertificherebbe con uno sbruffone. Parlando per me, ho messo assieme tutta una serie di congetture, da quelle fortissimamente probanti, a quelle via via più deboli; di queste ultime, quelle deboli, non parlerò neppure. Apprezzo molto il metodo usato da Vitangeli in questo video, non pontifica, usa prudenza; tuttavia, è implacabile nell’analisi del quadro generale. Ho un solo appunto: parla piuttosto genericamente degli Stati Uniti, quando, piuttosto, si dovrebbe parlare di élites transnazionali, una classe a sé, apolide, degli extracasta come non ci sono mai stati nella Storia, l’esatto contrario dei Dalit indù. Dei semidei. Non siamo tutti sulla stessa barca; lo siamo tutti, tranne LORO, che posseggono regioni intere del pianeta, e il monopolio di risorse strategiche in ogni dove. E’ questo che ignorano moltissimi; così come ignorano che questa super élite ci considera ancor meno di come noi potremmo considerare uno scarafaggio.

    Prescindendo al momento, pertanto, da come questo virus sia nato, come sia diffuso, e da come la sua presenza su un territorio sia stata gestita dai singoli Stati (tutti fatti comunque importanti), esiste un dato oggettivo, non congetturalmente estrapolato, certissimo. Che porta, senza anelli causali intermedi, a un computo certo di chi ci guadagna e di chi ci perde. Ora, chi e come ci guadagna è stato mostrato, con inferenze implacabili, da Arnaldo Vitangeli. Si tratta di fatti, non interpretazioni.
    Ma chi ci guadagna è anche padrone dei mezzi politici e di comunicazione di massa che, con martellante unanimità, impongono alle plebi ridotte a gelatina tremante un’unica versione. E se si sgarra, ecco pronta AgCom, la psicopolizia, le multe, il carcere.

    C’è un nome per tutto ciò: dittatura totalitaria. C’è qualcuno che ha memoria di qualcosa di simile a questi giorni presenti in altre epoche della Storia umana?

  11. FRANCESCOM on

    Ancora poche settimane fa, avrei fatto i nomi degli extracasta, che molti, non solo io, conoscono perfettamente; ed avrei anche tratteggiato, brevemente, la loro storia. Oggi, per ragioni più volte esposte, sono costretto a tacere. Si tratta di poche, notissime famiglie, sconosciute solo a chi non ha avuto interesse alcuno ad approfondire il funzionamento del Potere, non solo sotto l’aspetto economico, ma anche sotto quello antropologico. Ora, è cosa del tutto lecita non provare interesse per qualcosa; del tutto illecito ed anche un po’ scortese, è ironizzare con chi ha portato fino in fondo studi e ricerche finalizzate a soddisfare questo interesse.
    In generale, sarebbe buona cosa parlare e prendere posizione solo su argomenti nell’approfondimento dei quali si è speso tempo e passione, e non randomizzare parole su temi di cui non si sa nulla. Ma su questo punto sono rassegnato; nella maggior parte dei casi, agli umani le “buone cose” non piacciono.

    • Giuseppe Cipriani on

      Incomprensibile questa sua autocensura. Peccato.

      Dal canto mio giudico questo momento tristissimo per altre ragioni… Consiglio a chi ha la fortuna di avere un orto, un giardino, un brolo di dedicarsi alle attività manuali del verde. Zappare la terra fa bene al corpo e allo spirito, e allontana i cattivi pensieri. Anche le fioriture in vaso del balcone aiutano in questo senso

      Rilassiamoci tutti con un detto popolare delle mie parti: “L’omo inteligente el sa poco, quel ignorante el sa tanto, el mona el sa tuto”.

      • il detto popolare oltretutto,oltre ad essere Verità,è anche facile a capire ps.il mio vicino di casa(+ amico che vicino) proviene dalla Provincia di Vicenza e mi ha insegnato il significato di mona.Ma pure tu sei Veneto ?ps.Oggi su Critica Scientifica viene trattato il tema attuale(coronavirus) ma anche i temi come L’Evoluzione(Sputnik e Darwin per esempio) spero non siano dimenticati sul più bel blog Nazionale

        • X Alessandro2:Interessante tema.In questi giorni di stop a tutte le attività ancora più integrante.Se vuole,se c’è ne tempo approfondisca.ps.se non siamo troppo in Fuori Tema…..

          • Alessandro2 on

            Carissimo Maurizzio e carissimi tutti, prego sempre per voi e per le persone come voi, che amano la verità (anche quella con la V maiuscola).
            Leggo molto e partecipo poco, perché in fondo – lo confesso – sono un pavido e avendo la fortuna di tenere famiglia e posto fisso, non voglio perderli. Vi invito solo ad approfondire in rete il perché, con questa kommissione dell’ammore, eravamo già in dittatura ben prima dei droni di Giuseppi. Uno spunto per tutti: http://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2019/11/la-segre-e-il-dissenso-da-strangolare.html

            Che la pace del Signore, non quella che dà il mondo, sia sempre con voi.

    • Farsi prendere dal panico è la cura peggiore contro un nemico invisibile.Dobbiamo credere che il nostro sistema sanitario collegato a tutte le forze scientifiche del mondo,lottando,riuscirà a contenere la pandemia.Evidentemente seguendo TUTTI le norme necessarie.ps.Exstra tema,ma credo buono per tenere in funzione la Mente,senza avere un unico argomento giornaliero:Mazzucco e le sue teorie,per esempio.Le consiglio di ascoltare il video you tube di Mazzucco:La Sindone in realtà è la fotografia di Leonardo Da Vinci.Forza Uniti si Vince !ppss.Pure il Presidente Putin è intervenuto in questi giorni sostenendo che il vaccino contro il coronavirus è, in Russia,in fase avanzata.

      • Giuseppe Cipriani on

        L’importante è che sia vaccino vero e non pseudo-vaccino per avere finanziamenti. Quel medico che hanno linkato ieri, un no vax, sostiene che il vaccino non può star dietro alle mutazioni di un virus, dice una verità mistificata… Così ragionando nessuna vaccinazione verrebbe messa allo studio, con dei risultati disastrosi.

        • Si Giuseppe ma se ti riferisci alla Russia(ho vari profil-amicizie su Facebook attendibili) non credo(ma non credo anche che una fake)che Putin(calcola bene ogni sua parola) si spenda inutilmente.La sua prudenza farebbe pensare piuttosto che occorre un certo tempo(come sta succedendo anche in altre nazioni).

  12. titolo del Corriere della Sera: ECCO IL PIU’ ANTICO DI (QUASI) TUTTI GLI ANIMALI:IKARIA WARIOOTIA.Interessantissimo un parere del Prof. Grazie

  13. Alessandro2:La ringrazio,lei è molto gentile a notare la mia modesta presenza.Ma quando cerco un cosiddetto,anche casuale contatto con dei Cattolici,quasi mai lo trovo.Sono anche onorato di essere presente su queste note dal 2011,anche defininendomi un “laico”.Non specifico il significato ma certo,diciamo,non un cattolico osservante.Ma quello che mi preme dire,propio a un cattolico è l’assenza totale su i media di una “democratica risposta”allo strapotere dei media “borghesi”(scientismo),da parte,appunto,del Mondo Cattolico.Arrivo al dunque:La scomparsa dai radar della cultura “quotidiana” di quel possente strumento di colloquio che è o era la Pontificia ACCADEMIA DELLE SCIENZE Vaticana;luogo ideale,sviluppato dal Pontefice Benedetto xvi e prima ancora dal precedente Papa,oggi solo “chi L’ha visto”potrebbe occuparsene.E il blackout di uno strumento modernissimo,capace di competere anche con i miliardari “mostri” come Focus o Wired, sul piano dell’informazione scientifica;come UCCR,presente su internet.Senza una presenza di analisi scientifica da parte del Mondo Cristiano, il suo messaggio viene risucchiato in un vortice di fakenews ed emarginato.Che io sappia su 1 PiETRO 3:15 sta scritto:”Siate pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi”.

  14. Che io sappia Mondadori=Focus= Berlusconi= Partito Popolare=probabilmente vicinanza con la Chiesa Cattolica= Ma forse sono io in blackout.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.