Super science friends

47

ssf1

Famosi scienziati guidati da Churchill per combattere i nazisti, questo propone un cartone animato di prossima produzione.

E tra i nazisti anche Thomas Edison, Carl Yung e un non meglio precisato Papa Pio nemico di Darwin.

 

Affronteremo un argomento leggero, ossia discuteremo di un cartone animato in fase di progettazione, principalmente pensato per il web, intitolato “Super Science Friends”. L’idea centrale, molto fumettistica ma anche originale, è di presentare come protagonisti un gruppo di scienziati reali, dotati di superpoteri legati ai loro campi di studi e guidati da Winston Churchill all’attacco dei nazisti e delle nemesi di ogni supereroe. Ovviamente per mezzo di viaggi nel tempo.

Fin qui una trama un po’ assurda, ma se il pubblico è costituito di ragazzini (oppure di giovani molto nerd) ci può anche stare, gli autori si presentano come un piccolo studio di animazione della Tinman Creative Studios di Toronto, in Canada. Sperano di avere il pubblico e il finanziamento per arrivare a 13 episodi, anche se ora lavorano solo su quello pilota. Vediamo meglio chi sono i protagonisti della storia.

Winston Churchill: non è dotato di poteri ma è una figura carismatica, è il leader che ha creato il gruppo, quindi personalmente apprezzo questa scelta di porre a capo l’uomo del famoso discorso “I have nothing to offer but blood, toil, tears and sweat” (“Non ho nulla da offrire se non sangue, fatica, lacrime e sudore”).

Albert Einstein: ha il potere di controllare il tempo per poter, per esempio, rallentare i proiettili o correre ad altissima velocità, poteri degni della stima che nutriamo per lui, anche se non capisco perché in questo cartone abbia solo 12 anni, forse perché qualcuno è stufo di vederlo sempre con baffoni e capelli bianchi?

Marie Curie: ha l’utile potere di guarire le persone tramite le radiazioni, ma ciò ha l’effetto collaterale di esporla ai danni delle sue stesse radiazioni. Sacrificarsi per il bene altrui: ottimo, andiamo avanti.

Nikola Tesla: gode dei poteri dell’elettricità, anche se a volte non funzionano, probabilmente è una trovata per creare qualche scenetta comica un po’ infantile. Il difficile è capire perché la sua nemesi sia Thomas Edison, che in questo cartone sarà un miliardario avido di riserve energetiche. Perché infangano il nome di tale grande inventore? È l’indizio di un pizzico di ecologismo radical chic?

Tapputi: nella realtà è considerata la prima chimica e produttrice di profumi della storia, vissuta quattromila  anni fa in Mesopotamia. Qui invece è vecchia, brutta e ha la capacità di sedurre gli uomini tramite profumi. Come hanno fatto a metterla tra i buoni? Anche la sua rivale, la nazista Mata Hari, seduce gli uomini, ma lei è giovane e sexy. È senz’altro riprovevole che una donna usi la propria sessualità con un atteggiamento passivo-aggressivo per comandare, ma in questa storia sembra che il fine giustifichi i mezzi e non mi sembra molto edificante. Hanno creato un’eroina grottesca, ma il peggio deve ancora arrivare.

Sigmund Freud: Ha il potere di controllare la mente ma solo per quanto riguarda i pensieri psicosessuali. Devo ammettere che è coerente, ma con le idee peggiori che si hanno della psicanalisi di Feud, sesso-centrica e perversa. Si può replicare che anche il professor Xavier del mondo Marvel controlla e legge le menti pur essendo un “buono”, ma ciò gli permette di vedere in profondità le persone. Spero che anche questo Freud sia così, ma sto pretendendo troppo da questa chicca trash.

L’avversario di Freud è Carl Yung (che ricorda Carl Jung), dotato della facoltà di invadere i sogni delle persone. Di nuovo un avversario speculare ed è interessante il fatto che anche nella realtà tra Freud e Jung prima c’era accordo ma poi si separarono. Avrei preferito, in questa storia di finzione, invertire i ruoli “eroe-antieroe”, perché era Freud che vedeva l’inconscio delle persone (consentitemi qualche semplificazione) come l’immondezzaio della mente, lo scantinato dove mettere desideri incestuosi e fedifraghi, mentre per Jung l’inconscio può essere anche collettivo e trasmettere conoscenza simbolica.

Ora viene il bello, lo scienziato su cui quasi sempre si discute su Critica Scientifica, Charles Darwin.

Darwin ha il potere di trasformarsi in qualsiasi animale a suo piacimento, o meglio, volendo usare le parole del suo creatore “può devolversi in qualsiasi animale” e la devoluzione, infondo, non la negano nemmeno i creazionisti. Un bellissimo potere, lo invidio, ma c’è qualcosa che andrebbe precisato. In che modo Darwin si devolve? Le trasformazioni, a giudicare dai video introduttivi (https://vimeo.com/112644605), sono rapidissime e non graduali, quindi non darwiniane. Per quel che si intuisce, si trasforma solo in animali esistenti, quindi le trasformazioni sono dirette verso forme fissate e complete, non c’è rischio di subire il giudizio della selezione naturale, quindi non sono darwiniane. È Darwin, con la sua mente, a trasformarsi in ciò che vuole, quindi le sue mutazioni non sono affatto casuali (cioè, detto meglio, non sono spontanee e indipendenti rispetto alla fitness dell’individuo) ma guidate dalla sua ragione, quindi non è un fenomeno darwiniano ma più alla Lamarck, se non alla Intelligent Design. La cosa bella è che questo cartone dovrebbe essere un tributo a questo scienziato ma sotto sotto lo sbugiarda!

L’avversario di Darwin è un personaggio chiamato Papa Pio. Non so a quale Papa Pio si alluda, perché Pio XI non condannò l’evoluzionismo ma disse che “di casi Galileo nella storia della chiesa ne basta uno solo”, Pio XII attaccò l’evoluzionismo filosofico ma non quello biologico; forse si tratta Pio IX ma non ho trovato nel suo Sillabo condanne esplicite. In ogni caso, nel 2015, la Chiesa non considera il darwinismo e le teorie discendenti incompatibili con la fede, è più un problema di alcune chiese protestanti, quindi perché inserire come avversario un uomo vestito da ecclesiastico? L’intuito mi suggerisce che figurativamente il chierico, in accordo con certi pregiudizi, rende molto meglio l’idea di qualcuno di ostile, ancorato ad un passato fuori posto, vecchio e polveroso, in una sola parola, oscurantista.

Papa Pio è raffigurato a cavallo di un T-rex e anche su questo ho una certa idea del perché: siccome per i creazionisti tutte le specie sono apparse di fatto nello stesso tempo, allora anche i dinosauri sono recenti e per burlare allora i creazionisti intorno a questo punto, circolano su internet fotomontaggi di Gesù a cavallo di un dinosauro, quindi non mi meraviglio che il nemico di Darwin faccia altrettanto.

Il problema è che anche cavalcare un T-rex è una cosa che invidio, non riesco ad immaginare il senso di superiorità che si proverebbe in groppa a tale bestione carnivoro, per cui credo che i ragazzini ammirerebbero un tale antieroe. Non è nemmeno tutto! Papa Pio ha la capacità di evocare dal cielo un pugno proveniente da Dio in persona (un pugno blasfemo perché sulle dite sta tatuata la parola “Love”, “amore”, quindi sarà uno sfottere l’apparente contraddizione tra il fatto che il Dio cristiano sia un dio d’amore ma anche un “punitore”).

Di nuovo la scelta artistica è controversa, perché mi viene ancor di più voglia di stare dalla parte di Papa Pio, infatti, quali speranze dovrebbe avere il nostro Darwin? Gli scontri si svolgerebbero in questo modo:

Darwin: “Sono Charles Darwin, posso trasformarmi in un ogni animale per fermare la tua minaccia oscurantista!”

Papa Pio: “Io sono Papa Pio e su mio comando ti beccherai un pugno da Iddio Onnipotente, l’Alfa e l’Omega, Colui che era, che è e che sarà, l’Altissimo che neanche i cieli riescono a contenere, razza di miscredente!”

Probabilmente, se il cartone potrà mostrare la sua prima puntata e avere successo, le vicende si svolgeranno diversamente, ma a maggior ragione sarei curioso di vedere come andrà a finire questa storia, perché io sono il primo ad avere un potere simile a quello di Darwin, posso devolvermi in una qualsiasi delle mie età passate e divertirmi ancora per cose come queste.

.

.

Share.

About Author

"htagliato", Fisico della Materia. Vive a Napoli.

47 commenti

  1. Beh, immaginarsi un Darwin che evolve in tempo naturale all’interno di un cartone animato che dura una manciata di minuti richiederebbe l’aiuto quanto meno dello stesso Einstein, quindi forse in una puntata successiva puntata verrà svelato il mistero… Il fatto poi che l’avversario di Darwin sia un papa o un vescovo non lo trovo per niente strano, in quanto ampi settori della Chiesa si sono sempre opposti all’idea darwinista (anzi, in realtà tuttora vi sono ancora molte resistenze) basti pensare a come fosse caricaturizzata l’immagine di Darwin, quella più famosa vedeva lui con un corpo da scimmia, come a voler schernire la teoria che contraddiceva l’idea religiosa della centralità dell’essere umano all’interno della creazione.

    • Matteo G. o Matteo B?
      Il commento che era finito in spam è identico a quello più sotto, magari prima risolviamo la crisi d’identità… scegli un nome solo per favore!

    • “quanto ampi settori della Chiesa si sono sempre opposti all’idea darwinista (anzi, in realtà tuttora vi sono ancora molte resistenze) ”

      Peccato che l’opposizione alla teoria dell’evoluzione è più che altro protestante e che la Chiesa non ha mai ufficialmente attaccato tale teoria.

      La Chiesa Cattolica piuttosto ha accettato di buon grado la teoria fin dall’inizio quasi.

      Che poi esistano ancora oppositori, OK, ma ci sono anche “oppositori” atei alla teoria del Big Bang perché sono scocciati che “l’universo abbia un inizio” (e forse mette in crisi il loro ateismo)

      Inoltre non tutti gli oppositori, passati e presenti, del Darwinismo sono religiosi. Alcune critiche al darwinismo come teoria scientifica partono dagli scienziati dell’evoluzione stessa, che affermano che il Darwinismo non sia sufficiente per spiegare l’evoluzione umana.

      DA NOTARE poi, che i teologi e filosofi Tomisti (principalmente cattolici) sono tra i maggiori oppositori dell'”Intelligent Design” e simili teorie anti-evoluzioniste.

      —-

      Le “caricature di Darwin” con corpo di scimmia furono soprattutto caricature presentate nella stampa secolare, non in testi proclamati dalla Chiesa o da altre enti religiose.

      As esempio quella del Francese Andrè Gill, satirista de La Petite Lune.

      Quindi caro Matteo G… o B… vedo che sei interessato a sparpagliare ignoranza, come quel cartone del resto.

      Un altro esempio è quella di Punch’s Magazine in inghilterra.

      Le caricature di Darwin nascono quindi soprattutto dalla stampa satirica, che solitamente non è molto religiosa affatto.

      Quindi caro Matteo G… o B… forse è meglio che ti evolvi e ti informi meglio… magari iniziando a controllare le tue iniziali.

  2. muggeridge on

    Abbastanza vergognosa questa cosa e anche “razzista” (secondo il senso lato usato comunemente ai giorni d’oggi), perché nettamente anticattolica, del resto il solo cattolicesimo è rimasto fuori dal politicamente corretto (faceva notare Novak) è in pratica l’unico bersaglio razzista possibile e accettabile al giorno d’oggi (e questo dice più di mille discorsi pro e contro).
    Di parimenti vergognoso ho visto di recente un film su una rete mediaset: “Paul” , che ha per protagonista un alieno dichiarato darwinista che prima spaventa e poi converte all’istante all’ateismo una povera creazionista del profondo West degli USA. La cosa più vergognosa è che la tipa appena convertita dala scoperta dell’alieno (simpaticissimo, ovviamente, che si definisce “evoluto bene”, ossia meglio di noi) diventava subito scatenata sul piano sessuale.
    Sarebbero cose da denuncia, se avvenissero al contrario….
    Ottimo articolo comunque, Htagliato, che fa capire chi sono gli aggressori e chi si difende da queste aggressioni, cosa che non sempre è chiara in queste discussioni che spesso si perdono tra i vari tecnicismi.

  3. Alessandro Giuliani on

    Sempre i soliti falsi luoghi comuni, di cui però i ragazzi non conoscono la falsità e che quindi tendono a creare disinformazione e discredito. La scienza nemica della fede e il papa nemico degli ebrei sono le due menzogne che mi colpisono più nel profondo: la prima in quanto scienziato e cattolico, la seconda in quanto felice sposo da venticinque anni di una moglie di religione ebraica che ho potuto incontrare solo perchè la sua famiglia (come gran parte delle famiglie ebree romane) era stata nascosta in convento epr esplicito ordine di Pio XII.
    Ma questa è la realtà, meglio continuare con le menzogne, più subdole perchè nascoste in un cartone animato e quindi date ‘spontaneamente per assodate’ della stessa evidenza del gatto che insegue il topo.
    Grazie comunque htagliato per la tua levità che ci permette di riderci siopra, comunque…

  4. Beh, immaginarsi un Darwin che evolve in tempo naturale all’interno di un cartone animato che dura una manciata di minuti richiederebbe l’aiuto quanto meno dello stesso Einstein, quindi forse in una puntata successiva puntata verrà svelato il mistero… Il fatto poi che l’avversario di Darwin sia un papa o un vescovo non lo trovo per niente strano, in quanto ampi settori della Chiesa si sono sempre opposti all’idea darwinista (anzi, in realtà tuttora vi sono ancora molte resistenze) basti pensare a come fosse caricaturizzata l’immagine di Darwin, quella più famosa vedeva lui con un corpo da scimmia, come a voler schernire la teoria che contraddiceva l’idea religiosa della centralità dell’essere umano all’interno della creazione.

    • Che Darwin venga fatto aiutare da Einstein per evolvere è solo una sua idea, Matteo B. (oppure Matteo G.?), il punto è che se fosse stato Lamarck ad avere quel potere sarebbe stato molto più coerente.
      Che senso ha, inoltre, mettere un chierico come avversario di Darwin se i creazionisti sono di certi rami della chiesa protestante? La caricatura di Darwin la disegnò un papa o un cardinale? Infine, storicamente furono per primi altri scienziati a criticarlo, prima che persone spinte da una certa visione filosofica.

      • Mica solo i protestanti.
        E mettere Livio come nemico di Darwin non era un bel vedere.

        https://www.youtube.com/watch?v=SXmiq5m2DYY
        https://www.youtube.com/watch?v=7KGLP-XyGNY

        lol

        E’ un cartone, non ancora in onda fra l’altro, non diamogli più peso di quel che merita. Pure per Tesla/Edison mica è stato fatto un buon servigio.

        Un potere guaritore di Madame Sklodowska Curie (è scorretta perfino nel nome) in che modo sarebbe consistente con l’azione della radiazione? etc…

        • “Dimostrerò con testi scientifici di grandissimi scienziati che non c’è stata nessuna evoluzione…” Questo il razionalismo cattolico del min. 1:40, e lì mi sarei dovuto fermare, ma poi ho sentito che ha cominciato ad elogiare Sermonti. E lì davvero mi sono fermato. Grazie per l’assist, Andrea, direi che non servono altre prove.

          • “Direi che non servono altre prove” per dire cosa?
            Matteo B-G (?), per lei basta un cherry picking di una trasmissione di Livio Fanzaga per contrastare i libri di storia!
            Tutti i documenti attestano l’opposizione anglicana alla teoria di Darwin mentre in ambito cattolico non vennero mai prese posizioni ufficiali.
            Se permette sono io a dire che non servono altre prove… sì dell’inconsistenza dei suoi argomenti.

          • Ci sono scienziati che affermano che l’uomo derivi da un ibrido scimmia-maiale.
            Come direbbe qualcuno: ” direi che non servono altre prove.”

          • Andrea, Matteo

            “Questo il razionalismo cattolico del min. 1:40, e lì mi sarei dovuto fermare, ma poi ho sentito che ha cominciato ad elogiare Sermonti. E lì davvero mi sono fermato. Grazie per l’assist, Andrea, direi che non servono altre prove.”

            Quindi per voi tutti i cattolici sono come padre Livio.

            Allora dobbiamo affermare che tutti gli atei sono come Stalin o PolPot… oppure come l’ateo che idolizza Dawkins che di recente ha ucciso due mussulmani innocenti?

            Questo mostra solo la vostra ottusità, oserei dire.
            Ci sono bigotti ed idioti in ogni gruppo… e non mancano in quello degli atei (e forse qui ne abbiamo anche due esempi?)

            Purtroppo mi pare la tendenza normale degli atei… o almeno degli “atei su internet” di essere completamente disinformati oppure di generalizzare ingiustamente.

            Il dibattito creazionismo-evoluzione è molto più sfacettato e complesso che un seplice gruppo A vs. gruppo B.

    • Ciao matteo, nei popular post, in fondo a questa pagina, in fondo, trovi un post chiamato film d’essai, vai a vedere se la chiesa è contro l’evoluzione.
      La caricatura di darwin non l’ha fatta un vescovo. Di cosa parli? Puoi dettagliare meglio il tuo pensiero? Solo per sapere. Grazie.

    • “basti pensare a come fosse caricaturizzata l’immagine di Darwin, quella più famosa vedeva lui con un corpo da scimmia…”
      Emerita inesattezza.
      Le famose caricature di Darwin erano pubblicate da riviste e giornali satirici che oltre a Darwin caricaturavano anche i membri della Chiesa Anglicana che al tempo si opposero alle sue teorie.
      Ovviamente i libri o articoli divulgativi sull’evoluzionismo si guardano bene dal pubblicare le vignette che caricaturavano i membri del clero lasciando credere che Darwin fosse l’unico target.
      Criticare quelle vignette, ripeto pubblicate da giornali che per mestiere facevano satira, è come oggi criticare le vignette del Charlie Hebdo!

  5. muggeridge on

    Nel contesto anglosassone i cattolici non sono però una maggioranza, assolutamente, i “papisti” sono stati discriminati da secoli e sono ancora visti con sospetto. Ora, dal momento che il contesto anglosassone in senso lato è il contesto mondiale, questa discriminazione è di fatto una discriminazione verso una minoranza, tanto più odiosa quanto più si pensa che non è neanche ipotizzabile trattare altre minoranze allo stesso modo al giorno d’oggi.
    Ovviamente a me non piace lagnarmi di questa situazione che per me dimostra solo che il mondo sente fortemente la posizione cattolica, ossia questa non è affatto ininfluente e sorpassata, ma resta centrale, anche quando si cerca di negarne l’importanza, perché parla direttamente alle coscienze.
    Cattolico significa universale e credo che la scelta di questo aggettivo sia stata particolarmente felice e provvidenziale perché significa che riguarda l’uomo in generale e va oltre le varie appartenenze che lo caratterizzano socialmente, il messaggio pertanto riguarda tutti indistintamente e non particolari gruppi o etnie (“Non c’è più giudeo né greco; non c’è più schiavo né libero; non c’è più uomo né donna,…” Gal3,28), chi è messo in crisi da questo messaggio invece tende a fare dei cattolici una razza a parte usandoli come bersaglio, dimostrando così le propria inadeguatezza sul piano morale e culturale.

    • Se uno segue o legge i siti creazionisti americani di derivazione evangelica si vedrà che l’anticattolicesimo è ancora ben vivo. Ed una delle accuse che fanno alla Chiesa Cattolica è proprio di aver accettato l’evoluzionismo.
      Questo rende ancora più ridicolo il ‘papa pio’ del cartone animato.

  6. Brutto per dire brutto sto cartone animato!
    Frutto di gente che pare essersi fumata di tutto prima di mettersi a buttare giù l’idea, di fatto però vediamo che da questo trip allucinogeno escono come prodotto degli stereotipi ormai conficcati nell’inconscio.

  7. “le sue mutazioni non sono affatto casuali (cioè, detto meglio, non sono spontanee e indipendenti rispetto alla fitness dell’individuo)” <- Oh, dai e ridai, son contento che alla fine qualcosa sia passato! Bravo Htagliato.
    .
    "non è un fenomeno darwiniano" <- Non e' evoluzione in alcun senso, dato che avviene in un individuo, e l'evoluzione e' un processo che pertiene alle popolazioni di individui. Anche il buon Lamarck si sarebbe sentito a disagio.
    .
    "La cosa bella è che questo cartone dovrebbe essere un tributo a questo scienziato ma sotto sotto lo sbugiarda!" <- Che il cartone si basi su conoscenze "scarse ma ben confuse" mi sembra chiaro (Freud fra gli scienziati? Edison cattivone?). Ma non ti pare eccessivo dire che la sbugiarda? Suvvia, e' un cartone animato, non un paper scientifico. Ci vuole un po' piu' sforzo per sbugiardare una teoria scientifica.

  8. alessandro giuliani on

    Teoria scientifica ? Semplicemente le reazioni a questo post confermano la grande voglia di usare Darwin a supporto del vecchio e abusato pregiudizio anticattolico (a proposito anche Einstein ebbe a dichiarare che solo la Chiesa cattolica si oppose realmente al nazismo) che usa le stesse falsità da decenni. Non disturba il cartone in se ma soli che certi stereotipi vengano dati per scontati.

    • Almeno il povero Einstein lo potevi risparmiare, Alessandro! O controllare meglio le fonti.
      .
      “I am, however, a little embarrassed. The wording of the statement you have quoted is not my own. Shortly after Hitler came to power in Germany I had an oral conversation with a newspaper man about these matters. Since then my remarks have been elaborated and exaggerated nearly beyond recognition. I cannot in good conscience write down the statement you sent me as my own. The matter is all the more embarrassing to me because I, like yourself, I am predominantly critical concerning the activities, and especially the political activities, through history of the official clergy. Thus, my former statement, even if reduced to my actual words (which I do not remember in detail) gives a wrong impression of my general attitude.”
      Albert Einstein in: Dukas, Helen, ed. (1981) Albert Einstein, The Human Side. Princeton: Princeton University Press, p. 94.
      .
      Detto questo, sarebbe ingiusto dimenticare la nobile e generosa battaglia di molti uomini cattolici, laici o meno, che si sono opposti al nazifascismo.

      • alessandro giuliani on

        Giusto gvdr mi immagino che le sia difficile dire sarebbe ingiusto dimenticare il ruolo del papa e delle gerarchie vaticane nel salvare la vita di tanti ebrei e oppositori del nazifascismo per cui va bene così far riferimento agli uomini e inserire la parola laici permette di salvare la vulgata di cristiani magari singolarmente buoni ma con gerarchia cattiva by definition

        • No, Alessandro, mi spiace, non era quello il mio intento. Solo che non riesco a concepire le istituzioni come dotate di volontà propria. Dunque, quello che di buono è stato fatto dalla chiesa è stato fatto da persone. E le colpe, anche esse, sono per me personali. Tutto qui.

          • alessandro giuliani on

            Strano a dirsi ma anche il papa e i cardinali sono persone che hanno nella fattispecie delle responsabilità nella conduzione della Chiesa che corrisponde alla comunità dei fedeli e nei secoli hanno dovuto con alterne vicende affrontare vari eventi storici. Ma capisco la tua difficoltà in quanto la Chiesa è l’unica istituzione tradizionale rimasta e che quindi persegue indirizzi non contingenti e trascende i singoli componenti (per questo noi cattolici parliamo di comunità di santi e altte cose che appaiono misteriose viste da fuori)

          • Senza spingermi nella sociologia delle istituzioni—ho sempre dei problemi quando qualcosa e’ definita “unica” ;-)—non escludevo affatto dall’umanita’ Papi e Cardinali.

      • le fonti di Giuliani sono giuste come conferma questa lettera di Einstein del 1943 e quindi più vicina ai fatti di quella da te citata che è del 1950:
        “It’s true that I made a statement which corresponds approximately with the text you quoted.”
        http://www.pbs.org/wgbh/roadshow/archive/200706A19.html
        Ovviamente Einstein ha tutti i diritti di cambiare idea ma era quello che pensava nei primi anni del regime nazista e quindi quando il Concordato era stato firmato e quindi ne era a conoscenza.

        • Esattamente “a statement which corresponds approximately with the text you quoted”. Ha detto, nel ’40, qualcosa di simile.

          • 1943: “a statement which corresponds approximately with the text you quoted.”
            1950: ” my remarks have been elaborated and exaggerated nearly beyond recognition.”

            Se per lei è la stessa cosa…

      • enrico lutman on

        @ GVDR

        E chi se ne frega, nel bene e nel male del parere di Einstein..?

        • Lutman, ma rileggere no? L’ha tirato fuori Alessandro il parere di Einstein. “Frega” a lui.

          • alessandro giuliani on

            Mi frega in quanto Einstein era stato arruolato come nemico del papa quando invece non lo era le idee politiche di Einstein sono per altro irrilevanti

          • Boh. Alessandro, mi sembra di essere nel telefono senza fili. Era Enrico Lutman (non io!) a chiedersi “chi se ne frega, nel bene e nel male del parere di Einstein..?”.
            .
            Boh. Enrico, mi sembra di essere nel telefono senza fili. Era Alessandro Giuliani (non io!) a dire che “anche Einstein ebbe a dichiarare che solo la Chiesa cattolica si oppose realmente al nazismo.”.
            .
            Poi ci vado di mezzo io 😉

  9. Visto il livello davvero triviale del fumetto intervengo con una provocazione semiseria dello stesso tipo: se in esso il Papa Pio ha la capacità di evocare dal cielo un potentissimo pugno proveniente da un Dio contraddittorio, poiche’ sferra pugni in nome dell’ amore, allora, in modo simile, anche Darwin dovrebbe essere in grado di devolversi in qualsiasi animale tramite delle grandi “botte di culo” originate da una divinita’ informe, che potrebbe essere a buon diritto essere definita come “Il Grande Nulla”.

  10. Paolo da Genova on

    I cartoni animati in genere hanno per spettatori bambini o adulti in vena di rilassarsi. Un cartone animato come questo, destinato ad adulti pensosi e polemici, non mi pare avere grande futuro.

    • Questo e’ un ottimo punto. Soprattutto “adulti pensosi e polemici”. Perche’ voglio sottolineare che non e’ questione di conoscere o meno i concetti, no. Per gustarsi questo cartone animato bisogna essere stati stregati dalle polemiche piuttosto che dalle teorie.
      Ma non liquiderei il tutto con sufficienza, perche’ e’ tutto qui il “male” contro cui lottiamo verbalmente in questo sito: l’uso, da parte di troppi adulti intrippati, della divulgazione scientifica a mo’ di idolo.
      Ora faccio una digressione personale: non ho mai attraversato la fase (che sembra catturi quasi tutti) in cui ho visto la conoscenza scientifica (e non la “scienza”, vediamo di tornare ad usare i termini correttamente) come un mezzo per esaltarmi, per mio conto o verso gli altri. Per me e’ sempre stata curiosita’ scientifica, non EGO, la mia guida. E quando vedo queste spazzature, cosi’ come quando vedo tanti siti che fanno le stesse polemiche senza mai fare passi avanti, non solo constato la realta’ dell’impossibilita’ di comunicare tra fanatici. Constato anche che questa “peste mentale” non e’ mai additata. Spero sia chiaro che sono due problemi differenti e che il secondo problema e’ conseguenza del metaragionare sul primo problema (come dire che “il problema e’ che ci sono sempre problemi”).
      Quindi questo cartone animato direi che e’ conseguenza della peste mentale.

  11. muggeridge on

    E’ un cartone improponibile, di cattivo gusto e scorretto, ma questo, al giorno d’oggi, aumenta le possibilità che veda la luce e abbia successo, sulla scia di South Park e analoghi.
    Dovesse uscire spero che la Chiesa trovi il coraggio di protestare vivacemente, anche se spesso appare intimidita e imbarazzata nell’andare contro le ingiustizie che subisce (si veda come l’Osservatore Romano sia riuscito a criticare pesantemente il film pro-Pio XII, giusto ieri).
    Il cartone in sé non è nulla, ma va ad aggiungersi al fiume di scorrettezze storiche e scientifiche che portano poi a interventi come quello sopra di Matteo B o G (non R o S ? :-), secondo il quale il cattolicesimo sarebbe il principale avversario del darwinismo e da questo sarebbero nati i famosi disegni di Darwin con corpo di scimmia che sono notoriamente il frutto della satira dei giornali inglesi e conservatori dell’epoca in cui nacque la popolare teoria evoluzionista e quindi, al massimo, sono di orientamento protestante e, va da sé, anticattolico. Ma questa è la vulgata che va in giro oggi, non solo in rete, ma spesso anche nelle scuole, forse intenzionalmente rozza e impreparata, ma adatta ad alimentare questa ideologia e a diffonderla a livello di massa e anche un cartone di questo genere è mirato a rafforzare questo flusso di inaccettabili travisamenti della verità storica e contemporanea.

    • South Park almeno era divertente e piuttosto neutrale. Prendevano in giro tutti. Hanno preso in giro la Chiesa e hanno preso in giro gli atei. Questo cartone qua è solo retorica idiota.

    • Paolo da Genova on

      E io invece spero che, se mai questo cartone animato vedrà la luce, chi avrà qualcosa da ridire, avrà il buon senso di ignorarlo o di prenderlo in giro. Guai a prenderlo sul serio, gli si farebbe pubblicità gratuita.

    • Ma che si sono messi d’accordo?
      Buonasera e benvenuto Berlicche, da una fonte qualificata come la sua (sono un su estimatore) non poteva che venire un vera chicca come questo video. Nazisti alleati dei T-Rex contemporaneamente in due fiction (notare il riferimento alla società esoterica Vril), o si tratta di un nuovo filone o gli autori si servono dello stesso pusher…